Personale 118, abolite tariffe agevolate per recarsi alle Eolie - QdS

Personale 118, abolite tariffe agevolate per recarsi alle Eolie

web-dr

Personale 118, abolite tariffe agevolate per recarsi alle Eolie

web-dr |
lunedì 25 Gennaio 2021 - 13:23

Lo denuncia il deputato messinese di Sicilia Vera Danilo Lo Giudice che sulla vicenda ha presentato una interrogazione urgente al Presidente della Regione. Lavoratori costretti a pagare la tariffa piena da Milazzo e ritorno.

Dal primo gennaio del 2021 sono state abolite le tariffe agevolate per il personale del 118 che per motivi di lavoro si reca nelle Eolie con i mezzi della “Liberty Lines”. I lavoratori sono quindi costretti a pagare la tariffa piena sia nella tratta da Milazzo a Lipari sia nelle tratte interne all’arcipelago.

Lo denuncia il deputato messinese di Sicilia Vera Danilo Lo Giudice che sulla vicenda ha presentato una interrogazione urgente al Presidente della Regione Nello Musumeci e agli Assessori per le infrastrutture Falcone e per la Salute Razza.

Nella sua interrogazione, Lo Giudice ricorda che fino allo scorso anno i lavoratori del 118, personale medico e autisti soccorritori, godevano di una tariffa agevolata analoga a quella prevista per agenti e militari delle Forze dell’ordine. Ma mentre quest’ultima è stata mantenuta, quella per gli operatori sanitari è stata abolita dalla Liberty Lines.

“Siamo in presenza di una discriminazione – afferma Lo Giudice – che pesa sui lavoratori del 118, costretti ad un esborso consistente per poter svolgere il proprio lavoro.”

Da qui la richiesta rivolta al Governo regionale di intervenire nei confronti della compagnia di navigazione “al fine di garantire un immediato e duraturo sconto del 80%, equiparando gli autisti soccorritori e medici 118 alle forze dell’ordine che già usufruiscono di questa scontistica.”

Sulla vicenda interviene anche Antonino Grillo, Presidente regionale di Sis118 (Sistema Italano Servizio 118) e segretario provinciale del sindacato autonomo Snami.

“Ritengo sia doveroso dare al personale questo
riconoscimento, che per altro visto l’esiguo numero di persone coinvolge – in
tutto 35 – non avrebbe un elevato peso economico.

Garantiamo un servizio essenziale e professionale
nelle isole minori, spesso con forti disagi personali e già subiamo il mancato
rimborso delle spese. Non possiamo accettare anche un aggravio dei costi che in
ultima analisi ricade sulle nostre buste paga e sulle nostre famiglie.”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001