Poliziotti penitenziari No vax, sono 13mila, "Se sospesi, caos nelle carceri" - QdS

Poliziotti penitenziari No vax, sono 13mila, “Se sospesi, caos nelle carceri”

web-iz

Poliziotti penitenziari No vax, sono 13mila, “Se sospesi, caos nelle carceri”

web-iz |
venerdì 17 Settembre 2021 - 13:23

Cosa succederebbe se i poliziotti dovessero lasciare le carceri, già sovraffollate? A rischio la tenuta della sicurezza

“La decisione del Governo d’imporre l’obbligo del possesso del green pass nei luoghi di lavoro introduce una serie di problemi aggiuntivi nelle carceri. Dai dati forniti dal Dap aggiornati al 13 settembre scorso si evince infatti che sono ben 13mila, più di un terzo, gli appartenenti al Corpo di polizia penitenziaria che non si sono ancora sottoposti neppure alla prima dose della vaccinazione anti-covid. Cosa succederebbe, allora, in caso di sospensioni dal servizio che si andrebbero a sommare alla gravissima deficienza degli organici già esistente e quantificata, dallo stesso Dap, in 17mila unità mancanti?”.

Lo afferma Gennarino De Fazio, segretario generale della UilPa Polizia Penitenziaria, dopo l’approvazione da parte del Governo del decreto-legge che prevede l’obbligo della certificazione verde in tutti i luoghi di lavoro. “Da considerare, per di più – prosegue De Fazio – che dai report forniti dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria non è deducibile il numero dei detenuti non ancora vaccinati, essendo indicato solo il totale delle somministrazioni dall’inizio della campagna vaccinale e comprendente, pertanto, anche coloro che sono successivamente stati scarcerati. Ma ogni ambiente del carcere in cui sono presenti detenuti costituisce per la Polizia penitenziaria luogo di lavoro. Come si supera allora la contraddizione?”.

Il tema, aggiunge, “pone una serie di problematiche ulteriori, anche di tenuta della sicurezza, in un sistema penitenziario già in gravissima emergenza e su cui lo stesso Governo sinora non ha fatto altro che prendere tempo con annunci seguiti, nella migliore delle ipotesi, dalla costituzione di gruppi di lavoro, ma mai da provvedimenti pragmatici e tangibili”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684