Ponti di Augusta: stop ai mezzi pesanti ma Confartigianato chiede soluzioni - QdS

Ponti di Augusta: stop ai mezzi pesanti ma Confartigianato chiede soluzioni

Luigi Solarino

Ponti di Augusta: stop ai mezzi pesanti ma Confartigianato chiede soluzioni

sabato 21 Settembre 2019 - 00:00

Le ordinanze sono state disposte in seguito a indagini commissionate dal Comune megarese. È stato interdetto transito a tutti i veicoli che presentano un peso superiore a 3,5 tonnellate

AUGUSTA (SR) – Dallo scorso 1°settembre l’amministrazione comunale megarese ha disposto, con due ordinanze, la modifica della circolazione veicolare sui due ponti che collegano l’isola di Augusta alla terraferma. Nello specifico si vieta il transito del viadotto Federico II a tutti i veicoli di peso superiore a 3,5 tonnellate mentre gli autobus di linea ed i mezzi di soccorso possono transitare attraverso il ponte Rivellino.

I trasporti di altra tipologia di mezzi pesanti saranno oggetto di specifiche autorizzazioni. Le ordinanze sono state disposte in seguito ad indagini commissionate dal Comune di Augusta in convenzione con il Genio civile di Siracusa. I tecnici di ambedue gli Enti hanno fornito delle prescrizioni ed a breve dovrebbe essere depositato un progetto esecutivo e la conseguente manutenzione straordinaria del viadotto Federico II. Da tempo vige anche per il ponte Rivellino il divieto di transito per mezzi superiori alle 3,5 tonnellate.

Lo scorso anno, dopo il crollo del viadotto Morandi di Genova, erano cresciuti i timori tra i cittadini augustani per le condizioni dei due ponti megaresi. In entrambi, ma in modo particolare nel viadotto Federico II, è possibile notare un avanzato stato di deterioramento dovuto al trascorrere degli anni, all’incuria ed all’azione corrosiva dell’acqua del mare. Le armature metalliche dei piloni si sono gonfiate causando evidenti crepe dello strato superficiale del cemento da dove emergono i tondini di ferro arrugginiti.

Negli ultimi mesi del 2016 erano state avviate delle indagini di carattere geognostico da parte del Genio Civile da cui era risultato che il Federico II, necessitava di interventi di manutenzione. Lo scorso anno si tenne un apposito consiglio comunale cui presero parte per il Genio Civile di Siracusa, l’ingegnere capo Natale Zuccarello e l’architetto Gino Montecchi che illustrarono, dal punto di vista tecnico, le condizioni dei due ponti che, allo stato, sono sicuri ma che necessitano di lavori di manutenzione. Per i lavori del Federico II è prevista una spesa di 5 milioni di euro, per quelli del Rivellino una spesa di 1,5 milioni di euro.

Tuttavia l’interdizione del ponte ai mezzi superiori alle 3,5 tonnellate ha creato disagi alle imprese che, per determinati tipi di lavoro, necessitano di mezzi più pesanti del limite fissato. A tal riguardo si è svolto un incontro, cui hanno preso parte il presidente provinciale di Confartigianato Imprese Siracusa, Daniele La Porta, e il sindaco di Augusta, Cettina Di Pietro, per trovare una soluzione che salvaguardi congiuntamente l’incolumità degli automobilisti e le attività delle imprese.

Dall’incontro sono scaturite una serie di proposte al vaglio dei tecnici dei vari settori interessati che si spera possano alleviare le difficoltà alle imprese. La Porta ha dichiarato: “L’esigenza di tutela della pubblica incolumità è certamente fondamentale ma, se come in questo caso, possono essere salvaguardati anche gli interessi degli imprenditori, è un dovere di tutte le parti in causa trovare soluzioni che consentano, anche se in via eccezionale, di salvaguardare l’economia del territorio. Siamo fiduciosi che insieme si possa trovare una equa soluzione al problema anche perché abbiamo rilevato la disponibilità dell’amministrazione comunale e, per quanto ci riguarda, saremo vigili affinché si realizzi quanto discusso”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684