Processo Salvini, da destra arriva il sì alla "invasione" di Catania - QdS

Processo Salvini, da destra arriva il sì alla “invasione” di Catania

redazione web

Processo Salvini, da destra arriva il sì alla “invasione” di Catania

martedì 29 Settembre 2020 - 00:01
Processo Salvini, da destra arriva il sì alla “invasione” di Catania

Berlusconi a Forza Italia, "dovete andare". Lo stesso fa Giorgia Meloni, che annuncia la sua presenza.Striscioni in aeroporto, "Leghisti not welcome". Col rinvio a ottobre delle Amministrative in Sicilia, il processo diventa una grande occasione mediatico-elettorale

Nelle stesse ore in cui Matteo Salvini sarà nell’aula del tribunale di Catania per l’udienza preliminare sul cosiddetto caso Gregoretti, il centrodestra invaderà la città etnea, per manifestare solidarietà al leader della Lega.

Il quale, a sentire la leader di FdI Giorgia Meloni, “ha fatto quello che la maggior parte degli italiani chiedeva: difendere i confini nazionali”.

Il tam tam mediatico sull’appuntamento di Catania è iniziato ormai da mesi, con dichiarazioni quotidiane del capo della Lega Nord riprese sui canali social del Carroccio – quel sistema di propaganda definito dallo stesso Salvini “La Bestia” – leghisti per lanciare la manifestazione in programma sabato mattina, dal titolo “Catania, capitale europea della libertà”.

La manifestazione giungerà a conclusione di tre giorni di dibattiti e confronti organizzati dalla Lega Nord in quella che una volta per gli esponenti del Carroccio era la città del “Forza Etna”: “Gli italiani scelgono la libertà” è il titolo della tre giorni di eventi che si aprirà giovedì primo ottobre per concludersi proprio sabato.

E l’apoteosi delle celebrazioni per il processo a Salvini si concretizzerà in una maratona oratoria che vedrà alternarsi sul palco esponenti politici nazionali e siciliani e che si chiuderà con l’intervento del leader della Lega Nord.

Nonostante i mugugni dopo il voto delle regionali, secondo quello che gli esponenti dell’opposizione continuano a ripetersi tra di loro, a Catania il centrodestra ritroverà la sua unità.

Ieri Silvio Berlusconi ha “chiamato alle armi” gli azzurri, esortandoli ad andare sabato in piazza con la Lega Nord così come sarà presente la leader di Fdi insieme a una delegazione del suo partito, trasformando, di fatto, il processo in un’occasione elettorale per le Amministrative previste per l’indomani.

Striscioni in aeroporto, “Leghisti not welcome”

Intanto, striscioni con la scritta “Leghisti not welcome” sono stati esposti davanti a ingressi dell’aeroporto di Catania.

A rivendicarne la realizzazione è stata la rete “Mai con Salvini” che ha annunciato tre giorni di contestazione, dal primo al tre ottobre prossimi, in concomitanza delle iniziative promosse dalla Lega Nord, da Forza Italia e da FdI a sostegno del capo del Carroccio.

Previsti flash mob e manifestazioni

Sono previsti flash mob, incontri e manifestazioni contro Salvini, con manifestanti in arrivo da gran parte della Sicilia.

“Pur di riempire le piazze siciliane – afferma in una nota della rete Sara, lavoratrice precaria – Salvini, chiama a raccolta leghisti da tutta Italia, ma gli unici a non essere benvenuti nella nostra terra sono loro”.

“La Lega Nord al Sud – si sottolinea nella nota – non ha sfondato e così l’occasione del processo per il caso Gregoretti diventa l’ennesimo tentativo di venire a far campagna elettorale qui in Sicilia. Per questo abbiamo deciso di organizzare diverse iniziative per esprimere chiaramente che se pensavano di poter fare una Pontida del Sud, si sbagliavano”.

Il processo diventato “elettorale”

Sia che dovesse essere rinviato a giudizio, sia che questo non dovesse accadere, insomma, il processo sarà sfruttato dall’opposizione con fini di propaganda politica per via della singolare coincidenza con le elezioni che, al contrario del resto del Paese, in Sicilia si svolgeranno domenica e lunedì prossimi.

Nel frattempo l’ex ministro dell’Interno continua a esternare e continua a ostentare tranquillità.

“Contrapporremo – ha detto ieri – a un processo che qualcuno ha voluto istituire le idee per il futuro dell’Italia”.

Mel merito delle idee, però, non è entrato, Salvini, continuando a parlare soltanto della questione migranti ripetendo di aver agito per difendere l’italico suolo e confermando di esser pronto, qualora il suo partito tornasse al governo, a rifare tutto.

“Non ho commesso alcun reato”

“Ho riletto – ha dichiarato, addirittura autoproclamandosi di nuovo ministro – tutto quello che abbiamo fatto. Io non è che lo rifarei, lo rifarò. Secondo me non è stato commesso alcun reato, quindi non dovrei essere processato né io né nessun altro”.

“Non c’è reato” è dunque la nuova linea difensiva di Salvini, tanto che, in alcune dichiarazioni ai giornali, ha smontato anche l’idea di coinvolgere nel processo il premier Giuseppe Conte.

Salvini cambia ancora idea sulle elezioni anticipate

E ha cambiato idea, il capo della Lega Nord, anche sulla possibilità di chiedere elezioni anticipate, esclusa dopo il non certo brillante esito delle Regionali.

Le elezioni nazionali – puntando su un successo almeno nelle Amministrative siciliane, trasformate grazie al processo in una grande occasione mediatica – sono tornate a essere una “una questione morale” perché il Parlamento “di oggi non rispecchia il voto di marzo 2018”.

“L’Italia – conclude il proclama salviniano – si può permettere un governo fermo su tutto? Secondo me fa bene all’Italia avere un Parlamento nuovo e un governo più concreto e meno litigioso”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684