“Quattro mesi per le concessioni edilizie”, allarme dei sindacati per il comparto a rischio - QdS

“Quattro mesi per le concessioni edilizie”, allarme dei sindacati per il comparto a rischio

redazione

“Quattro mesi per le concessioni edilizie”, allarme dei sindacati per il comparto a rischio

giovedì 05 Settembre 2019 - 05:00
“Quattro mesi per le concessioni edilizie”, allarme dei sindacati per il comparto a rischio

Chiesto al Comune di chiudere il concorso, ancora bloccato, per undici posti da dirigente tecnico. Per Fillea Cgil e Fp Cgil il rilascio tardivo si ripercuote su tutta l’economia del capoluogo

PALERMO – Quattro mesi circa per il rilascio di una concessione edilizia. A lanciare l’allarme per un ritardo “che sta creando la drastica riduzione dell’attività edile per le piccole e medie imprese” sono state Fillea Cgil e Fp Cgil Palermo, che hanno puntato il dito sulla mancanza “non più tollerabile” di dirigenti tecnici al Comune.

“Non è possibile – hanno affermato i sindacati – che la quinta città d’Italia abbia da cinque anni un solo dirigente tecnico capo area dell’ufficio, con quattrocento dipendenti, che si occupa di concessioni edilizie e di condoni, di espropri e di centro storico, con le carte da firmare ferme per tre-quattro mesi sulle scrivanie e l’edilizia che va a rilento”.

Il rilascio tardivo delle concessioni – hanno sottolineato il segretario generale Fillea Cgil Palermo Piero Ceraulo e il segretario Fp Cgil Palermo Lillo Sanfratello – oltre a compromettere l’andamento del settore, rischia di inficiare i mutui concessi alle famiglie e alle piccole medie imprese per il mancato inizio dei lavori. Tutto questo, sommato alla crisi già esistente nel settore edilizio, acuisce ancora di più le difficoltà del settore delle costruzioni”.

I sindacati hanno quindi sollecitato il Comune a concludere il concorso, attualmente bloccato, bandito nel 2016 per undici posti di dirigente tecnico, da scegliere tra architetti e ingegneri. A luglio, Fp Cgil, Fp Uil e Csa, unitariamente, avevano già inviato l’ennesima sollecitazione visto che, con Quota 100 e i pensionamenti, secondo i sindacati “tra 2019 e il 2020 al Comune di Palermo ci sarà una fuoriuscita di 600 persone, quasi tutti funzionari e istruttori”.

“Abbiamo chiesto all’Amministrazione – ha concluso Sanfratello – di aprire anche la discussione sulle progressioni interne di carriera per colmare i vuoti che determineranno altri rallentamenti nelle attività e di dare risposte con i concorsi a tanti giovani architetti e ingegneri attualmente disoccupati”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684