Recovery Fund, l’Aem, “E' l'ultimo treno per il nostro Mezzogiorno” - QdS

Recovery Fund, l’Aem, “E’ l’ultimo treno per il nostro Mezzogiorno”

redazione

Recovery Fund, l’Aem, “E’ l’ultimo treno per il nostro Mezzogiorno”

giovedì 31 Dicembre 2020 - 00:15

L'appello al premier Giuseppe Conte da parte di Cosimo Inferrera, presidente dell' Associazione Europea del Mediterraneo: “Per il Meridione servono risorse non inferiori al cinquanta per cento del totale”

PALERMO – “Stanno riaffiorando più che motivate ragioni per riposizionare la Sicilia al centro geo-strategico e geo-economico del Mediterraneo, da cui era stata estromessa per la cecità programmatica e progettuale verso il meridione dei governi nazionali succedutisi nei decenni. Adesso tutto dipende da quel che avviene sul terreno scivoloso dei finanziamenti europei e nazionali (Recovery plan, Next generation, Mes, spese straordinarie), il cui plafond a favore del Sud non dovrebbe essere inferiore al 50% del totale”.

È quanto sottolinea in un documento Cosimo Inferrera, presidente di Aem – Associazione Europea del Mediterraneo, che rivolge un appello al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ed ai ministri Giuseppe Provenzano e Vincenzo Amendola, a non sprecare questa occasione.

Per il presidente dell’Associazione Europea del Mediterraneo “dovrebbe restare prioritaria la scelta della tipologia più idonea all’attraversamento stabile dello Stretto, esitata dai 16 esperti, riuniti al Mit e l’avvio della sua realizzazione, senza tentennamenti”.

“Ma non basta – aggiunge il presidente dell’Associazione Europea del Mediterraneo -. Accanto alla connettività interregionale, spiccano i problemi della mobilità urbana sostenibile e la gestione del territorio per la ripresa del verde, per i servizi, la vita sociale, la sicurezza degli insediamenti abitativi delle nostre città. D’importanza vitale per la terra meridionale – aggiunge – la gestione e la distribuzione delle riserve idriche, indispensabili per l’Agroalimentare e la Dieta Mediterranea, che rischiano perdite irreparabili o la scomparsa. In tempo di pandemia, l’organizzazione sanitaria di Dipartimenti integrati tra Università, Ospedali, Centri privati, ad estensione territoriale (provinciale, regionale, interregionale) per Centri di Costo Covid 19 e Centri di Costo no Covid-19 non ammette tergiversazioni fra finanziamenti Mes e no Mes. Priorità è il Progetto Salute per i cittadini”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x