Reddito di cittadinanza, scoperti 47 "furbetti" nel Ragusano - QdS

Reddito di cittadinanza, scoperti 47 “furbetti” nel Ragusano

web-la

Reddito di cittadinanza, scoperti 47 “furbetti” nel Ragusano

web-la |
mercoledì 13 Gennaio 2021 - 14:02
Reddito di cittadinanza, scoperti 47 “furbetti” nel Ragusano

I militari hanno spulciato le posizioni di 154 familiari delle persone che avevano presentato la domanda per accedere al beneficio, e hanno scoperto l'indebita percezione di somme per un ammontare di oltre 461 mila euro

La guardia di finanza ha scoperto nel Ragusano 47 persone che beneficiavano illecitamente del reddito di cittadinanza: 46 sono stati denunciati alla procura e segnalati all’Inps uno è stato segnalato solo all’istituto.

I militari hanno spulciato le posizioni di 154 familiari delle persone che avevano presentato la domanda per accedere al beneficio, e hanno scoperto l’indebita percezione di somme per un ammontare di oltre 461 mila euro.

Dodici indagati sarebbero abituali giocatori sulle piattaforme di gioco on-line, arrivando a scommettere addirittura centinaia di migliaia di euro, utilizzando fonti di reddito evidentemente occultate al Fisco, dice la Gdf.

Un ragusano Ragusa, percettore di reddito di cittadinanza tra aprile 2019 e novembre 2020 per circa 22 mila euro, è risultato aver realizzato nello stesso periodo vincite al gioco per circa 400 mila euro.

A Pozzallo i finanzieri hanno individuato un nucleo familiare, in cui tutti i componenti risultavano giocatori abituali su piattaforme digitali, arrivando a vincere sui propri conti di gioco più di 140.000 euro, circostanza omessa nelle comunicazioni all’Inps.

Undici persone avevano “dimenticato” di comunicare all’Inps il possesso di beni immobili di valore nettamente superiore al limite massimo previsto dalla normativa vigente per accedere al beneficio, mentre altre 4 sono state denunciate in quanto avevano omesso di autocertificare l’acquisto di autoveicoli e motoveicoli di cilindrata superiore ai limiti consentiti.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684