Rifiuti, Ragusa, la Regione vuole la quarta vasca - QdS

Rifiuti, Ragusa, la Regione vuole la quarta vasca

redazione web

Rifiuti, Ragusa, la Regione vuole la quarta vasca

lunedì 18 Maggio 2020 - 00:05
Rifiuti, Ragusa, la Regione vuole la quarta vasca

Il sindaco della città, Giuseppe Cassì, è invece contrario: il sito indicato è in un'area di interesse paesaggistico e inoltre la vasca si riempirebbe in pochi anni. "Abbiamo già dato in termini di danni ambientali e paesaggistici"

Mentre l’impianto di trattamento meccanico biologico di Cava dei Modicani di Ragusa resta chiuso perché non c’è il decreto di valutazione d’impatto ambientale da parte della Regione siciliana costringendo così i dodici comuni iblei a conferire i propri rifiuti nelle discariche di Lentini e Alcamo, da Palermo è stata individuata una soluzione che trova come fermo oppositore il sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì.

La Regione siciliana ha nominato un commissario ad acta affinché nel sito di Cava dei Modicani venga realizzata una quarta vasca accanto alle tre già esistenti e ormai sature da anni.

Ma la proposta del commissario regionale è contrastata dal sindaco di Ragusa.

“La scelta non può essere accettata – ha detto Cassì – per due ordini di motivi: lo spazio individuato nell’area di Cava dei Modicani avrebbe dimensioni ridotte e consentirebbe la realizzazione di una vasca di circa centomila metri cubi, destinata a esaurirsi in pochi anni, laddove l’esigenza del territorio sarebbe di una vasca capace di contenere fino a cinquecentomila metri cubi in grado di durare almeno dieci anni. Inoltre il sito di Cava dei Modicani è all’interno di un’area di interesse paesaggistico, e tutta l’area circostante è inclusa nel perimetro dell’istituendo “Parco degli Iblei”: se in passato sono stati fatti errori non ha senso ripeterli e aggravarli”.

“Il Comune di Ragusa – aggiunge il sindaco – già ospita gli unici due impianti funzionanti che servono l’intero territorio provinciale, cioè l’impianto di trattamento meccanico biologico e l’impianto di compostaggio: per una questione di equità e di ripartizione del peso del sistema di raccolta, appare ragionevole che la vasca di stoccaggio sia realizzata all’interno del territorio di un altro comune, proprio per evitare di stressare ulteriormente un’area già fortemente penalizzata. Ragusa ha già dato in termini di danni ambientali e paesaggistici”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684