Santalucia: «Riforma Giustizia? Molte criticità ma un cambiamento è necessario» - QdS

Santalucia: «Riforma Giustizia? Molte criticità ma un cambiamento è necessario»

Valerio Barghini

Santalucia: «Riforma Giustizia? Molte criticità ma un cambiamento è necessario»

sabato 26 Marzo 2022 - 06:00

Forum con Giuseppe Santalucia, presidente dell’Associazione nazionale magistrati risponde alle domande del Qds

Intervistato dal direttore Carlo Alberto Tregua, il presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Giuseppe Santalucia, risponde alle domande del QdS.

Presidente Santalucia, l’Anm ha espresso riserve sulla riforma della Giustizia concepita dal ministro Cartabia. Tuttavia, un cambio di passo è necessario?
“Assolutamente sì e nessuno lo nega. A nostro parere, però, la strada imboccata non è quella giusta. Ci sono diverse criticità che abbiamo messo in evidenza. A cominciare dal tema della valutazione di professionalità. A scanso di equivoci, nessuno è contrario affinché venga passato al vaglio l’operato di un giudice. Ma la legge già prevede una disamina periodica: di base, ogni quattro anni per sette volte durante la carriera (dunque fino al ventottesimo anno di servizio), a cui si aggiungono valutazioni ‘straordinarie’ ogni qualvolta un magistrato faccia domanda per un incarico. Quindi, che senso ha creare un sistema come quello dei voti che non porta ad altro se non a un’inutile potenziale competitività? Se io prendo 7 e il mio collega prende 9, si può formare un’ansia da competizione che non giova alla serenità di nessuno, meno che mai della Magistratura. Piuttosto, questo sì, arricchiamo e potenziamo quanto già esiste”.

Altro aspetto strettamente collegato è quello della valutazione da parte degli avvocati…
“Anche qui: la figura dell’avvocato è già presente nei Consigli giudiziari. Quando si tratta di giudica… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684