Sciacca, riapertura terme, marcia a piedi su Palermo - QdS

Sciacca, riapertura terme, marcia a piedi su Palermo

web-gl

Sciacca, riapertura terme, marcia a piedi su Palermo

web-gl |
martedì 18 Maggio 2021 - 10:37

Una protesta dell'amministrazione comunale contro la Regione Siciliana, che dopo 6 anni dalla chiusura degli impianti termali non ha ancora trovato una soluzione per riaprirli.

È iniziata questa mattina alle 7 a Sciacca (Ag) la “Marcia su Palermo per le Terme”, l’iniziativa promossa dalla locale amministrazione comunale per protestare contro la Regione Siciliana (proprietaria del patrimonio termale) che dopo 6 anni dalla chiusura di tutti gli impianti non ha ancora trovato una soluzione per riaprirli e rilanciarli.

“Siamo stanchi di aspettare una soluzione che ancora non arriva, ma senza le Terme le prospettive di sviluppo economico della nostra comunità sono pari a zero”, ha detto il sindaco Francesca Valenti. La questione Terme è da anni al centro del tentativo di individuare un investitore disponibile ad ottenere gli immobili in concessione allo scopo di rimetterli in sesto e rilanciarli. Sono stati 3 gli avvisi pubblici che, tuttavia, sono andati deserti.

Più recentemente il presidente della Regione Nello Musumeci aveva annunciato il coinvolgimento dell’Inail come possibile soggetto a cui affidare le Terme, ma anche questa strada sembra non essere andata a buon fine. Nei giorni scorsi la parlamentare regionale di Forza Italia Margherita La Rocca Ruvolo ha dichiarato che il governo è orientato a finanziare il recupero dei beni termali al fine di renderli più appetibili prima di varare un nuovo bando. “Abbiamo deciso di attuare questa forma di protesta – ha aggiunto la prima cittadina – perché siamo stanchi, e voglio precisare che, malgrado io sia del Pd, questa manifestazione non vuole avere caratterizzazioni politiche”.

Eppure l’iniziativa è anche al centro di polemiche. Il centro destra ha accusato l’amministrazione di avere volutamente dimenticato che le Terme sono state chiuse dal governo Crocetta. La marcia si svolgerà lungo il percorso del cammino di San Bernardo da Corleone. La prima tappa, quella odierna, è Bisacquino, la seconda (di domani) è Corleone, il terzo giorno Misilmeri e, infine, venerdì, l’arrivo a Palermo, davanti Palazzo d’Orleans, sede del presidente della Regione.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684