Scuola: grembiule in classe, gli studenti dicono no - QdS

Scuola: grembiule in classe, gli studenti dicono no

redazione

Scuola: grembiule in classe, gli studenti dicono no

domenica 05 Maggio 2019 - 09:52
Scuola: grembiule in classe, gli studenti dicono no

Secondo un sondaggio condotto da Skuola.net, soltanto il 28% sarebbe favorevole al ritorno dell'uniforme scolastica. "Siamo tutti diversi e unici: la diversità deve essere promossa, non limitata"

Agli studenti non piace affatto l’idea che il ministro dell’Interno Matteo Salvini va ribadendo da giorni: è giusto reintrodurre il grembiule o la divisa scolastica per i bambini delle scuole elementari e per gli alunni delle medie.

La maggioranza dei circa mille ragazzi intervistati qualche giorno fa da Skuola.net ha detto infatti “no” all’uniforme scolastica: più della metà – il 52% – si è detto contrario.

“Come essere umano ho il diritto di scegliere come vestirmi, e di esprimere me stessa in ciò che indosso o faccio!”, è il commento di una delle ragazze raggiunte dal sondaggio di Skuola.net.

“Lo stile è una forma di espressione per molti – dice un altro dei partecipanti al sondaggio – se ci vietassero anche questo, penso che impazziremmo. Siamo identificati come numeri sul registro, ma non lo siamo. Siamo persone, e come tali dobbiamo essere liberi di esprimerci, in qualsiasi forma”.

“Siamo tutti diversi e unici – fa eco un altro studente – la diversità deve essere promossa, non limitata”. C’è tuttavia un 28% che si trova d’accordo con la proposta di reintrodurre l’obbligo dell’uniforme scolastica, mentre un altro 20% è indifferente all’argomento.

Tra i pareri di chi appoggia l’idea, c’è chi chiama in causa il bullismo: “Almeno saremmo tutti uguali – risponde uno dei ragazzi – e chi non si veste bene non sarebbe più preso in giro”.

“A volte gli atti di bullismo sono dovuti proprio al modo di vestirsi. Introducendo le divise dovrebbero diminuire questi problemi”, sottolinea un suo collega.

C’è, infine, chi apprezzerebbe un ritorno al grembiule per comodità, per evitare di sforzarsi troppo nello scegliere i vestiti: “Non ho voglia di decidere cosa mettermi la mattina! Ho sonno. Con il grembiule questo problema si risolve”, è la tesi portata avanti da più d’uno, forse i più pigri.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684