Sfratti, a Catania c'è pericolo di innescare una bomba sociale - QdS

Sfratti, a Catania c’è pericolo di innescare una bomba sociale

redazione web

Sfratti, a Catania c’è pericolo di innescare una bomba sociale

mercoledì 10 Febbraio 2021 - 09:16

Lettera dei sindacati degli inquilini Sunia, Sicet e Uniat al Prefetto e ai Sindaci della Città metropolitana: se saranno riattivati senza fronteggiare la crisi si rischiano gravi tensioni

La situazione, a causa della crisi economica innescata dalla pandemia, è drammatica e c’è “il pericolo di una imminente ‘bomba sociale’ se davvero gli sfratti verranno riattivati”.

Lo segnalano i segretari dei sindacati degli inquilini di Catania, Giusi Milazzo (Sunia, nella foto), Francesco Nicolosi (Sicet) e Giuseppe Camarda (Uniat) con una lettera al Prefetto e ai Sindaci della Città metropolitana in cui si sottolinea che occorre “fronteggiare l’imminente crisi con misure adatte” senza le quali si rischiano gravi tensioni.

“Mentre da un lato – spiegano i sindacati nel lanciare l’allarme – il Parlamento lavora, nonostante la crisi, per convertire in legge il DL 183/2021 nel cui testo il Governo ha inserito la sospensione degli sfratti per morosità a fronte dell’emergenza covid, dall’altro lato c’è un’enorme pressione affinché venga immediatamente ripresa l’esecuzione degli sfratti”.

Nella lettera congiunta dei tre sindacati hanno annunciato inoltre “l’intenzione di promuovere accordi e protocolli che vedano coinvolti Prefetture, Comuni, Tribunali, Iacp, rappresentanze sindacali degli inquilini associazioni della proprietà allo scopo di individuare adeguati strumenti di ‘governo dell’esecuzione degli sfratti’ per una graduazione delle esecuzioni e la predisposizione di strumenti alternativi che consentano il passaggio da casa a casa per assicurare certezze e diritti agli inquilini e ai proprietari”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684