Sicilia, crollo esportazione prodotti petroliferi - QdS

Sicilia, crollo esportazione prodotti petroliferi

Liliana Rosano

Sicilia, crollo esportazione prodotti petroliferi

mercoledì 17 Febbraio 2021 - 00:00

Ufficio Studi Sace: da gennaio a settembre 2020 nell’Isola si registra un calo del 21,4%
Il valore dei raffinati che nel 2019 copriva il 56,1% del totale, è sceso al 34%

PALERMO – Crolla l’export siciliano durante la pandemia. Lo rivela l’Ufficio Studi di Sace, nell’ultimo focus sull’export italiano, elaborato su dati Istat.
Se il Mezzogiorno regge, trainato dal settore agroalimentare, non può dirsi la stessa cosa per la Sicilia che, secondo il report in questione, vede un -21,4% sull’export regionale nel periodo che va da Gennaio a Settembre 2020. Il valore dell’export siciliano, che nel 2019 si è assestato a 9,5 miliardi, è sceso a 5,5 miliardi nel periodo compreso tra gennaio e settembre 2020.

In dettaglio, l’export siciliano è crollato per diverse ragioni. Nel settore dei prodotti raffinati, nel 2019, questo settore copriva il 56,1% del totale delle loro esportazioni, dunque il crollo delle vendite per questo settore, nell’ordine di quasi il 34% ha causato un risultato complessivo molto negativo.

Ad incidere, è stato il crollo della domanda croata (-55,3% gen-sett 2020 vs- gen-sett 2019), corrispondente al primo mercato di destinazione per i prodotti raffinati siculi (14,9% dell’export nel 2019). Tuttavia, la mancata ripresa perdurata anche nel terzo trimestre, rendendola l’unica regione italiana a non aver registrato un cambio di rotta rispetto ai tre mesi precedenti, è imputabile soprattutto al calo dell’export verso Algeria e Slovenia (secondo e terzo mercato di destinazione), verso cui si è registrata una flessione nel terzo trimestre rispetto a quello precedente, rispettivamente, del -28,5% e del -32,8%.

Diversamente, il comparto agricolo in Sicilia è stato molto positivo (+9%), come per le altre regioni del Sud Italia, mentre quello di alimentari e bevande, a causa soprattutto delle performance negative del vino delle province di Agrigento, Palermo e Trapani, ha registrato un calo (-7,5%).
L’export italiano è profondamente diversificato a livello territoriale. Ciascuna provincia presenta peculiarità produttive ed è proprio tale livello di specializzazione a rendere il Made in Italy un unicum nello scenario mondiale e ha permesso la tenuta di diverse realtà territoriali nonostante la crisi.

I dati pubblicati a dicembre evidenziano per i primi nove mesi del 2020 un forte calo dell’export su quasi tutto il territorio nazionale rispetto allo stesso periodo del 2019 (-12,5%), con una dinamica meno negativa della media nel Mezzogiorno (ad esclusione delle Isole) grazie alle ottime performance dei prodotti agroalimentari e del Molise, che ha registrato una crescita delle vendite oltreconfine significativa (+31,4%).

Il valore delle esportazioni di beni di tutte le ripartizioni territoriali nazionali è cresciuto tra luglio e settembre rispetto ai tre mesi precedenti sino a tornare quasi ai livelli del primo trimestre (97,6%). Il dato è positivo e diffuso in quasi tutte le regioni, tranne la Sicilia, che ha mostrato invece una contrazione. È una buona notizia che segna la ripartenza della domanda estera, tanto importante per l’economia italiana. Tuttavia il risultato dei primi nove mesi del 2020 continua a rimanere in territorio negativo (-12,5%) e questo accomuna quasi tutte le regioni: fanno eccezione solo Molise e Liguria.

Lo shock pandemico ha messo ancor più in risalto le potenzialità inespresse dell’export del Mezzogiorno, potenzialità che potrebbero essere sviluppate nel prossimo futuro sia verso quelli che sono già importanti partner commerciali (come Stati Uniti, Francia e Germania), sia verso geografie ancora poco conosciute ai prodotti meridionali. Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Toscana e Piemonte, che pur continuano a giocare ruoli da protagoniste per l’export nazionale, hanno visto un calo in quasi tutti i settori esportativi, in particolare nella meccanica e nel tessile e abbigliamento; il comparto agroalimentare, anche in queste regioni, è quello che ha saputo contenere maggiormente gli effetti negativi e in alcuni casi addirittura accrescere le proprie vendite oltreconfine.

La meccanica strumentale ha subito una contrazione in tutte le regioni d’Italia, provocando in particolare una flessione in quelle, come Lombardia e Piemonte, per le quali il settore è significativamente importante. Alcune categorie di prodotto sono riuscite a mantenersi positive nonostante le difficoltà presenti nei settori a cui appartengono: è il caso del mobilio forlivese, del comparto moda di Arezzo, nonché dei macchinari agricoli del padovano e vicentino.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684