Sicilia zona gialla, domani il verdetto, ma si riaprirà il 10 maggio - QdS

Sicilia zona gialla, domani il verdetto, ma si riaprirà il 10 maggio

web-dr

Sicilia zona gialla, domani il verdetto, ma si riaprirà il 10 maggio

web-dr |
giovedì 29 Aprile 2021 - 15:44

Zona gialla, arancione e rossa: in arrivo il verdetto - con potenziale cambio di colore dal 3 maggio. La Sicilia ci spera, ma vi spieghiamo perché è più plausibile una riapertura dal 10 maggio.

Zona gialla, arancione e rossa: in arrivo il verdetto – con potenziale cambio di colore dal 3 maggio – per le regioni che adottano regole, misure e divieti di diverso grado per spostamenti, scuola, ristoranti e bar.

Domani, 30 aprile, il monitoraggio Iss-ministero della Salute potrebbe modificare la mappa colorata dell’Italia, che dall’inizio della settimana è soprattutto a tinte gialle.

In fascia gialla sono inserite Lombardia, Lazio, Toscana, Veneto, Piemonte, Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Molise, Piemonte, Umbria e le province autonome di Bolzano e di Trento.

In zona arancione figurano Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. Da sola, in zona rossa, la Sardegna.

La maggior parte delle regioni gialle dovrebbe ottenere la conferma nell’area più libera. Le ‘big’, in particolare, non dovrebbero retrocedere: Lombardia, Lazio, Campania, Veneto.

La Sicilia verso la zona gialla… dal 10 maggio

Tra le regioni arancioni che aspirano alla promozione, spicca la Puglia, che però deve fare i conti con un bollettino ‘pesante’ per la giornata del 28 aprile: 1.282 i casi di coronavirus registrati, con la risalita della curva di contagi a fronte di una netta diminuzione dei test. Poi c’è la nostra Sicilia, che nella giornata di ieri ha fatto registrare 980 nuovi positivi, con una incidenza negli ultimi sette giorni di 151 casi ogni 100.000 abitanti (Regioni gialle come la Toscana, il Piemonte e la Campania ne hanno di più, rispettivamente 161, 156, 217).

Tra i “contro” il fatto che tanti comuni sono ancora in zona rossa, il numero dei positivi a Catania è in forte aumento (ieri 441), un RT che la scorsa settimana era peggiorato rispetto a quella precedente (1,12); inoltre è difficile pensare che si possa far passare Palermo da rossa a gialla in soli 4 giorni, con numero di nuovi contagiati ancora alto e oscillante e ospedali ancora abbastanza pieni. Per questi motivi è plausibile pensare a un cambio di colore non prima del 10 maggio.

Per questo è plausibile pensare a un cambio di colore non prima del 10 maggio.

Tra arancione e rosso potrebbero verificarsi novità. La Sardegna, che poco più di un mese fa era zona bianca, spera di vedere gli effetti delle restrizioni legate alla zona rossa per salire di livello. In zona arancione, va monitorata in particolare la posizione della Basilicata, che archivia una giornata con altri 191 contagi ma vede scendere il numero dei pazienti in ospedale (-5).

La normativa di riferimento

Come si arriva alla «promozione» in giallo? Queste le regole in vigore: sono obbligatori «quattordici giorni in un livello di rischio o scenario inferiore a quello che ha determinato le misure restrittive. E i parametri da rispettare sono: Rt (l’indice che misura la velocità del contagio) sotto 1 e «rischio complessivo» basso o moderato. Un indicatore quest’ultimo risultato del calcolo di 21 parametri, dalla comparsa dei nuovi focolai al tasso di occupazione di ospedali e terapie intensive.

Tag:

Un commento

  1. Giuseppe ha detto:

    Domani la Sicilia passerà in zona gialla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684