Il sindaco Greco fa tabula rasa e Gela aspetta la nuova Giunta - QdS

Il sindaco Greco fa tabula rasa e Gela aspetta la nuova Giunta

Liliana Blanco

Il sindaco Greco fa tabula rasa e Gela aspetta la nuova Giunta

mercoledì 13 Ottobre 2021 - 00:10

Il capo dell’Amministrazione comunale ha azzerato la propria squadra dopo le tensioni dei giorni scorsi all’interno della maggioranza. Ora i partiti cercano nuovi e più stabili equilibri

GELA (CL) – Il mondo della politica locale è in subbuglio. Il sindaco ha chiesto le dimissioni agli assessori e questi, dopo qualche frizione, le hanno presentate. Da qualche giorno la città non ha un Esecutivo e chi vive a contatto con le stanze dei bottoni è in ansia.

La crisi serpeggia da mesi e lo dimostrano le votazioni in Aula durante le sedute di Consiglio comunale: franchi tiratori o consiglieri di opposizione che si accordano con il sindaco nella speranza di ottenere benefici e che non partecipano a votazioni “pericolose” come quelle sul bilancio.

Tutto è nato dopo alcune dichiarazioni dell’assessore ai Servizi sociali, Nadia Gnoffo, la quale ha dichiarato che il sindaco avrebbe dovuto allontanare la consigliera Romina Morselli a seguito dell’episodio dell’abbandono dei rifiuti di un anno fa. Si è riaperta una ferita mai sanata in cui sono venute fuori tutte le discrepanze della maggioranza e questa volta il gruppo politico di sostegno al sindaco ha definito l’assessore Gnoffo, “pro-tempore”.

Una guerra a suon di comunicati stampa che ha decretato la crisi politica, culminata con la presa di posizione del primo cittadino. “Non è stata una decisione presa all’improvviso ma a lungo meditata – ha detto Greco – poiché serve un chiarimento profondo prima di andare avanti. Dialogherò e mi confronterò con tutti per arrivare a una soluzione condivisa”.

La spartizione dei posti di governo è così iniziata: Forza Italia vuole un secondo assessorato, l’Udc non vuole mollare il suo, Terenziano Di Stefano vice sindaco non intende lasciare e la città aspetta.

In ogni caso, la verifica politico-amministrativa avviata dovrebbe servire a delineare, all’interno della maggioranza, un programma che veda di nuovo tutti concordi sulle modalità da attuare per andare avanti, evitare i continui contrasti e lavorare insieme.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684