Siracusa, una petizione online contro il degrado in Ortigia - QdS

Siracusa, una petizione online contro il degrado in Ortigia

Web-mp

Siracusa, una petizione online contro il degrado in Ortigia

Web-mp |
martedì 31 Agosto 2021 - 09:07

"Ortigia vivibile per tutti" è questo il titolo della petizione online di “change.org” contro il degrado e l'inciviltà a Siracusa. Con un appello al sindaco, al Prefetto, Questura e Guardia Costiera

Ortigia vivibile per tutti”, si legge all’interno della petizione online di “change.org” che vuole porre attenzione sullo stato di degrado e inciviltà raggiunto nel centro storico di Siracusa, durante la stagione estiva e il turismo di massa di agosto.

Si legge nella petizione on line: “Il centro storico di Siracusa, che per bellezza, storia, atmosfera è meta di crescente turismo oltre che residenza stabile di siracusani e forestieri, da diversi anni è ormai divenuta terra di nessuno.

L’assenza di regole chiare, il mancato controllo e la mancata definizione di pertinenza dell’uso degli spazi pubblici e dei monumenti, l’uso privatizzato di strade, vicoli e cortili a cui si aggiunge il mancato rispetto delle norme di pulizia e comportamento civile basilari, il rumore elevato e fuori norma a qualsiasi ora del giorno e della notte, i cattivi odori generati dall’immondizia e da molte strutture di ristorazione non a norma, etc…sono motivo di attrito continuo tra visitatori, residenti e commercianti e persino tra gli stessi siracusani, creando un unico comune disagio e crescente aggressività.

La Polizia Municipale è occupata a gestire le regole contraddittorie e mutevoli secondo la stagione sulla ZTL, senza riuscire ad avere pieno controllo delle norme sugli orari di carico e scarico merci, le aree in divieto di sosta, il rispetto delle corsie preferenziali di accesso all’isola di Ortigia…

I cittadini e visitatori firmatari di questa petizione richiedono, pertanto, al signor Prefetto, in qualità di rappresentante massimo dello Stato italiano a Siracusa, di voler intervenire con urgenza perché si attivino nei doveri e poteri di loro competenze.

In breve chiediamo a Lei (riferito al sindaco di Siracusa) e alle autorità preposte (Polizia Municipale, Prefetto e Polizia Municipale) a far rispettare le leggi esistenti a tutela della convivenza pacifica tra chi sceglie il centro storico di Siracusa come sua residenza permanente o temporale, per sviluppar la propria attività lavorativa o per trascorrere delle vacanze che siano davvero indimenticabili”.

La petizione è stata sottoscritta già da centinaia di siracusani e turisti.

immagine di repertorio

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684