Sparatoria tra clan a Librino, Salvatore Chisari condannato a 6 anni

Catania, sparatoria tra clan a Librino: Salvatore Chisari condannato a sei anni di reclusione

marikacontarino

Catania, sparatoria tra clan a Librino: Salvatore Chisari condannato a sei anni di reclusione

Redazione  |
mercoledì 15 Maggio 2024

Secondo la sentenza di primo grado, infatti, Chisari non avrebbe avuto alcuna responsabilità nella vicenda, per cui era stato assolto.

La prima sezione della Corte d’Assise d’Appello di Catania ha condannato Salvatore Chisari a sei anni di reclusione per duplice tentato omicidio e porto illegale di arma da fuoco.

Iscriviti gratis al canale WhatsApp di QdS.it, news e aggiornamenti CLICCA QUI

La sentenza riforma la decisione dei giudici di primo grado, emessa col rito abbreviato il 10 luglio 2023, con cui era stato assolto per non avere commesso il fatto e che era stata appellata dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dal sostituto Alessandro Sorrentino.

L’inchiesta Centauri e il coinvolgimento di Salvatore Chisari

Al centro del procedimento il processo scaturito dall’inchiesta Centauri della Dda di Catania nell’ambito di indagini dei carabinieri su un conflitto a fuoco. Questo è avvenuto in viale Grimaldi, a Librino, l’8 agosto del 2020, tra esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi e della cosca dei Cursoti Milanesi.

In quell’occasione morirono due persone e ne furono ferite diverse altre. Secondo l’accusa, Chisari avrebbe fatto parte del gruppo che ha ferito due persone. Di diverso avviso era, invece, il collegio giudicante di primo grado.

La partecipazione

Secondo la sentenza adesso ribaltata in Appello, infatti, Salvatore Chisari non avrebbe partecipato “materialmente alla spedizione punitiva organizzata dal clan Cappello ai danni dei Cursoti milanesi”. L’uomo, infatti, “con la scusa di dover recuperare il casco”, avrebbe lasciato “il gruppo che poi si metteva in moto senza di lui”. Fatti, questi, che hanno condotto il collegio d’Assise a escludere il coinvolgimento reale dell’uomo. Perché, si legge ancora nella decisione di primo grado, “se nella condotta del Chisari si vuole ritenere sussistente un contributo, questo è stato certamente inutile per la realizzazione del reato”.

Una decisione osteggiata da subito dalla pubblica accusa. Per i pm Fonzo e Sorrentino, infatti, “l’imputato aveva partecipato ad una prima fase preparatoria in cui si era già formata, con la sua piena adesione, la determinazione di aggredire con violenza il gruppo dei Cursoti Milanesi”.

Una tesi che i magistrati ritengono essere confermata dalle parole dello stesso imputato, durante un interrogatorio. “Saremmo andati numerosi ‘per scassarli'”, aveva raccontato Salvatore Chisari, sentito dagli inquirenti il 20 agosto 2020.

La partecipazione è, secondo la procura di Catania, sufficiente per una condanna. Una tesi accolta dalla Corte d’Assise d’Appello la quale, come detto, ha annullato l’assoluzione e stabilito una pena di sei anni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017