Speranza, "Con 28 milioni di italiani con prime dosi, orizzonti di ripartenza" - QdS

Speranza, “Con 28 milioni di italiani con prime dosi, orizzonti di ripartenza”

web-dr

Speranza, “Con 28 milioni di italiani con prime dosi, orizzonti di ripartenza”

web-dr |
martedì 18 Maggio 2021 - 11:14

“Adesso che abbiamo i vaccini e circa 28 milioni di italiani hanno ricevuto la prima dose possiamo cominciare a disegnare un orizzonte di ripartenza per l’Italia.

Le evidenze scientifiche ci stanno portando a un percorso di riaperture, fatto sempre con i piedi per terra e con prudenza, un passo alla volta, ma che segna la possibilità di aprire una stagione diversa”.

Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza intervenendo all’incontro ‘L’Italia torna contadina nel tempo del Covid’ organizzato da Coldiretti, Fondazione Univerde e Campagna Amica a Roma.

“Adesso dobbiamo continuare ad investire sul nostro servizio sanitario nazionale, abbiamo capito quanto conti avere un servizio universale capace di prendersi cura di tutti – ha continuato – io voglio investire sulle patologie diverse dal Covid, dobbiamo recuperare tutti i ritardi sugli screening, le visite, gli interventi”.

E ha affermato: “Nei nostri programmi di sviluppo si parla sempre di One Health, l’idea è che l’agricoltura è salute. Il rapporto tra la salute dell’uomo, l’ambiente, la qualità della vita degli animali sono tutte cose connesse. Questo è l’approccio che ci deve guidare. La battaglia è tutelare la qualità dei prodotti che arrivano sulle nostre tavole, e deve essere fatta con trasparenza”.

E ha concluso: “Nei mesi che vengono dobbiamo fare ancora di più, investire sulla salute, sulla prevenzione. La qualità dell’alimentazione è un pezzo fondamentale della prevenzione. Nei mesi che verranno, abbiamo tanti fondi, possiamo progettare un nuovo disegno dell’Italia e dell’Europa. La prima mattonella di questa sfida è la salute intesa nel senso più largo possibile, non solo come assenza di malattia ma come benessere quotidiano delle persone. Che si costruisce non solo con buoni ospedali e presidi, ma anche con la capacità di offrire una qualità della vita all’altezza delle aspettative di ciascuno. Anche l’agricoltura fa parte di questo progetto”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x