Strage di Ustica, 42 anni senza verità: il mistero mai risolto - QdS

Strage di Ustica, 42 anni senza verità: un mistero italiano mai risolto

web-sr

Strage di Ustica, 42 anni senza verità: un mistero italiano mai risolto

Salvatore Rocca  |
lunedì 27 Giugno 2022 - 09:13

Sono trascorsi 42 anni dalla strage di Ustica, uno dei disastri aerei più grandi della storia della Repubblica italiana. Sono ancora tanti gli interrogativi mai chiariti su quanto avvenuto

Tanti dubbi e poche certezze. Ricorre oggi il 42esimo anniversario della strage di Ustica, avvenuta il 27 giugno 1980, sulla quale non è mai stata fatta completamente luce.

Strage di Ustica, la ricostruzione degli eventi

Alle ore 20,59, un aereo DC9 della compagnia Itavia partito in ritardo (la partenza era precedentemente programmata alle 18,15) dall’aeroporto di Bologna-Borgo Panigale in direzione Palermo-Punta Raisi, scompare improvvisamente dai radar a poca distanza dall’isola siciliana di Ustica.

Alle prime luci dell’alba del giorno successivo, a seguito della segnalazione di un elicottero partito da Catania, vengono avvistati dei detriti appartenenti all’aereo. Confermato, quindi, lo schianto nelle acque del mar Tirreno meridionale.

Le vittime sono 81, tra passeggeri ed equipaggio, compresi 13 bambini. I corpi che vengono recuperati sono 39 e non c’è nessun sopravvissuto. Si tratta del quarto disastro aereo più grande della storia della Repubblica italiana per numero di deceduti.

Strage di Ustica, abbattimento o bomba?

Sono numerose e controverse le ipotesi formulate nel corso di questi anni. Tra queste, l’abbattimento dell’aereo civile da parte di un missile per mano militare o l’esplosione di una bomba a bordo posizionata nella toilette.

Non è stata considerata, fin da subito, la supposizione relativa al possibile cedimento strutturale a causa di un guasto. Nessuna anomalia era stata riscontrata prima e dopo la partenza.

Prospettive inquietanti, proiettate su un mar Mediterraneo allora considerato una vera e propria “polveriera” per le forti tensioni causate dalla “Guerra Fredda” tra il blocco occidentale e il blocco sovietico.

Una ferita ancora aperta

Indagini, accertamenti e interrogazioni non sono riusciti a ricostruire esattamente cosa è successo quella notte, così come non sono mai stati identificati i responsabili.

E i sospetti di depistaggi non sono mai stati completamente cancellati. Riaffiorano nuovamente ai giorni nostri, come dei fantasmi.

Una ferita ancora aperta non solo per il nostro Paese, ma anche per tutte le famiglie delle vittime della strage che attendono ancora di conoscere la verità.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684