Termini Imerese, liberata in mare una tartaruga caretta caretta - QdS

Termini Imerese, liberata in mare una tartaruga caretta caretta

web-mp

Termini Imerese, liberata in mare una tartaruga caretta caretta

web-mp |
domenica 23 Maggio 2021 - 15:38

Ritorna in mare, l'esemplare di tartaruga caretta caretta, che nel mese di dicembre è stato soccorsa dalla Guardia Costiera e poi seguita nel centro di recupero a Palermo


A fine dicembre era stata recuperata dalla Guardia Costiera nelle acque tra Termini Imerese e Cefalù.

É stata subito portata al centro di recupero regionale delle tartarughe marine dell’Izs (Istituto zooprofilattico sperimentale) Sicilia, è stata operata per estrarre l’amo che aveva ingerito. Dopo la cura antibiotica e la riabilitazione, questa mattina è tornata nel suo habitat naturale.

“Alla tartaruga è stato applicato un gps che permetterà di monitorare il suo viaggio in mare – ha commentato Salvatore Dara, direttore del Centro di recupero regionale, che è anche centro di referenza nazionale per il benessere, monitoraggio e diagnostica delle malattie delle tartarughe marine (Cretam) -. La scorsa settimana sono stati liberati altri due esemplari, uno a Mondello, l’altro ad Agrigento.

Anche quest’ultimo è stato dotato di gps e al momento si trova tra l’isola di Malta e la Sicilia.

Il 90% delle tartarughe che arrivano al centro hanno ingerito plastica ma anche moltissime microplastiche. Questo ci fa capire quando la salute dei nostri mari sia precaria”. “Questo momento di pandemia limita la sensibilizzazione, che è molto importante”, ha aggiunto Salvatore Seminara.

Il commissario ha sottolineato che questa è solo una delle tante tartarughe che purtroppo vengono recuperate in mare, danneggiate dagli ami, dalla pesca e dall’inquinamento. Una buona percentuale di tartarughe non riesce a sopravvivere.

“Questo è un momento di celebrazione per il recupero dell’ambiente”, ha concluso. Un nuovo inizio e un nuovo giorno per la sindaca di Termini Imerese, Maria Terranova: “Ringraziamo l’istituto zooprofilattico per averci dato questa possibilità. Un’iniziativa bellissima perché è segno di speranza per questa città. Abbiamo voluto sottolineare la vicinanza di questa amministrazione alle tematiche ambientali. Lo ribadiamo con ogni iniziativa possibile”.

Mario Catalano

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684