Tir danneggia sovrapasso, chiuso tratto della 121 - QdS

Tir danneggia sovrapasso, chiuso tratto della 121

redazione

Tir danneggia sovrapasso, chiuso tratto della 121

venerdì 06 Settembre 2019 - 08:36

Per abbatterlo, la statale 121 "Catanese" resterà interrotta per tre giorni tra gli svincoli di Misterbianco e Piano Tavola. L'assessore regionale Falcone, "Pronti a stanziare un milione di euro per ricostruirlo"

Dopo che un Tir ha danneggiato irreparabilmente il sovrappasso della via comunale Giuseppe Verdi, il cosiddetto Ponte Graci, la strada statale 121 “Catanese” rimarrà chiusa al traffico per tre giorni, in entrambe le direzioni per i due chilometri tra gli svincoli di Misterbianco e Piano Tavola.

Il cavalcavia, al confine tra i territori di Motta Sant’Anastasia e Misterbianco, attraversa la statale in corrispondenza dello svincolo.

Il tir si è infilato di sotto, come era ripetutamente avvenuto con il sovrappasso del Tondo Gioeni a seguito delll’innalzamento del limite di altezza dei mezzi per i trasporti internazionali.

Anche il cavalcavia del tondo Gioeni venne abbattuto.

“Il danneggiamento del Ponte Graci – ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone -, sulla Statale 121 rischia di creare gravissimi disagi alla viabilità non solo fra Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, ma anche in direzione Paternò e verso altri centri nevralgici della provincia di Catania”.

“Ieri – ha aggiunto Falcone – ci siamo sentiti con il capo compartimento Anas per la Sicilia, Valerio Mele, e abbiamo convenuto sulla necessità di scongiurare tali difficoltà per la circolazione stradale. Il governo Musumeci è dunque pronto a stanziare subito un milione di euro per la ricostruzione del Ponte Graci, opera essenziale per un rapido ritorno alla normalità”.

“Abbiamo chiesto all’Anas tempi più che celeri sia nella demolizione che, soprattutto, nel ripristino dell’infrastruttura, utilizzando anche gli accordi quadro già in esercizio”.
L’assessore ha inviato sul posto due componenti del proprio ufficio di gabinetto per raccordarsi con Anas sui lavori e relazionare sulle condizioni del cavalcavia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684