Riqualificazione Casina delle Palme e Principe di Napoli - QdS

Riqualificazione Casina delle Palme e Principe di Napoli

Pietro Vultaggio

Riqualificazione Casina delle Palme e Principe di Napoli

mercoledì 22 Gennaio 2020 - 00:00
Riqualificazione Casina delle Palme e Principe di Napoli

Coinvolti modelli di network giovanili e start up, prevista spesa da quasi 300mila euro. Gemellaggio con la città di Alessandria, obiettivo: rigenerare il comparto urbano

TRAPANI – A fronte del numero abnorme di immobili inutilizzati ricadenti nel Comune di Trapani, ecco che sembra che qualcosa si stia muovendo sul fronte della riqualificazione.

Si tratta della Casina delle Palme, costruzione del 1922 in stile Liberty, e del vetusto immobile “Principe di Napoli”. Entrando nel vivo del progetto, i due edifici vedranno la nascita di un sistema territoriale permanente di progettazione partecipata con i giovani.

In particolare, l’obiettivo è quello di rigenerare il comparto urbano, sistemando alcune specifiche aree del territorio trapanese ed alessandrino, tramite modelli di network giovanili, start up di impresa e di co-progettazione. Fra le due città esiste e persiste un progetto di gemellaggio per sviluppare e diffondere interventi innovativi incentrati sui giovani. In tutto questo l’Anci ha un ruolo fondamentale, perché consentirà l’esecuzione di questo progetto tramite propri fondi.

La somma stanziata (1.980.000,00 euro) consente il finanziamento dei primi nove progetti.
“Con queste risorse – commenta il sindaco Giacomo Tranchida – lavoreremo in sinergia con alcune realtà associative e istituzionali del territorio per la realizzazione di interventi di innovazione sociale, attraverso il Progetto Trapani Nuove (Ri)Generazioni Urbane”.
Nel dettaglio, il progetto presentato dal Comune, gemellato ad Alessandria, prevede una spesa di 278.500 euro e si è classificato terzo a pari merito con i comuni di Mantova e Ravenna.

“Si prevede di attivare – afferma l’assessora Andreana Patti – un Polo di progettazione giovanile permanente di tipo partecipativo, area di co-working, sala riunioni, laboratori, mostre, foresteria con locali destinati ad alloggi temporanei per studenti (provenienti anche dalla città di Alessandria), designer, architetti, ricercatori e giovani imprenditori che dimostrino la volontà di attivazione all’idea progettuale del territorio trapanese”.

Non solo una possibilità lavorativa tecnologicamente avanzata, ma anche una rinascita per alcuni immobili totalmente abbandonati. La politica come strumento attraverso cui i cittadini possono usare edifici inutilizzati per esprimere le proprie idee.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684