Trapani, Comune ed Ufficio Dogane contro contraffazione - QdS

Trapani, Comune ed Ufficio Dogane contro contraffazione

Pietro Vultaggio

Trapani, Comune ed Ufficio Dogane contro contraffazione

sabato 23 Gennaio 2021 - 00:00
Trapani, Comune ed Ufficio Dogane contro contraffazione

Una sottoscrizione nata da una parte per aiutare gli imprenditori che agiscono legalmente e dall’altra per salvaguardare il consumatore finale: l’obiettivo finale è la tutela del Made in Italy

PALERMO – È stato siglato un accordo tra il Comune di Trapani, guidato dal sindaco Giacomo Tranchida, e l’ufficio delle Dogane dello stesso territorio (Direzione Territoriale VIII – Sicilia), con direttore Marlene Mauro, al fine di difendere il made in Italy e contrastare così tutte le contraffazioni, che rappresentano una vera e propria minaccia per qualsiasi società civile.

Con la sottoscrizione del protocollo si intende avviare un percorso di reciproca cooperazione che permetta di informare capillarmente cittadini e imprese (anche tramite eventi divulgativi e azioni congiunte di comunicazione istituzionale) sulle disposizioni di carattere fiscale, per garantire un maggiore adempimento degli obblighi e la piena conoscenza dei diritti, dei doveri e delle agevolazioni esistenti in materia doganale e di accise.

Il Comune di Trapani, il Corpo di Polizia Locale e l’Ufficio delle Dogane di Trapani coopereranno tramite continui scambi informativi, anche nella prevenzione e repressione dei fenomeni illeciti connessi al commercio, in particolare attraverso il contrasto alla vendita di prodotti contraffatti o riportanti false indicazioni sull’origine, sulla provenienza o sulla qualità, non corrispondenti alle norme in vigore.
Fine ultimo? accertare e sanzionare le attività illecite e prevenire gli effetti nocivi sul consumatore finale.

Leggendo il protocollo, le parti si propongono diverse finalità, oltre le già elencate, come: rafforzare e semplificare l’operatività degli Enti coinvolti, grazie ad attività congiunte ed alla concessione, da parte del Comune all’Ufficio delle Dogane di Trapani, di apposite aree da destinare alle attività di controllo; instaurare una cooperazione tra Corpo di Polizia Locale ed Ufficio delle Dogane di Trapani al fine di individuare la filiera e reprimere con continuità ed efficacia il fenomeno della vendita di prodotti di qualità diversa dal dichiarato e di intercettare i comportamenti contrari alle norme sul commercio internazionale.

“Le Parti si impegnano anche, con i relativi organi, ad attuare il presente Protocollo d’Intesa – si legge nella nota – nel quadro dei rispettivi ordinamenti, così come definiti dalle normative comunitarie, nazionali, regionali e locali attualmente in vigore”. L’accordo ha però una durata limitata di tre anni a partire dalla data di sottoscrizione e potrà essere modificato in ogni momento e rinnovato alla scadenza, ma anche sciolto consensualmente.

Un accordo importante, perché notevoli sono i danni che il fenomeno arreca all’economia legale: mancate vendite, riduzione del fatturato, perdita di immagine e di credibilità. Inoltre, i prodotti contraffatti, essendo fabbricati al di fuori dei canali legali, sviliscono il marchio e non garantiscono il rispetto degli standard di produzione e conformità stabiliti a livello nazionale ed europeo, con evidenti possibili riflessi negativi in termini di sicurezza del consumatore.

Vanno poi considerati anche i potenziali risvolti sociali, connessi allo sfruttamento di soggetti deboli attraverso un vero e proprio racket del lavoro nero. Da ultimo, non vanno sottaciuti i danni all’Erario, attraverso l’evasione dell’Iva e delle imposte sui redditi, e al mercato, mediante alterazione del suo regolare funzionamento, a causa della concorrenza sleale basata sui minori costi di produzione.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684