Tv, serve una piattaforma on demand per teatro e musica "live" - QdS

Tv, serve una piattaforma on demand per teatro e musica “live”

redazione

Tv, serve una piattaforma on demand per teatro e musica “live”

martedì 17 Novembre 2020 - 00:03
Tv, serve una piattaforma on demand per teatro e musica “live”

L'idea, di Chiechio di Videobank, lanciata dopo il successo dello streaming dell' Orchestra a plettro dal Teatro Antico di Taormina nato dall' intesa tra Parco Acheologico e Ansa. GUARDA IL CONCERTO

Un concerto in streaming che ha avuto decisamente il favore del pubblico di tutt’Italia quello dell’Orchestra a Plettro che – senza pubblico in presenza – è stato ospitato ieri nel Teatro Antico e trasmesso in diretta live streaming sul sito dell’Ansa.
L’iniziativa è stata realizzata – nell’ambito di un progetto lanciato dall’agenzia di stampa per promuovere l’ascolto e la condivisione sul web di spettacoli e musica dai teatri e dai siti monumentali, chiusi dalla fine di ottobre insieme ai musei per i rischi collegati all’epidemia covid – oltre che dal Parco Naxos Taormina, anche da Fondazione Taormina Arte Sicilia (commissario Bernardo Campo) e il Taormina Film Fest (con il suo organizzatore Lino Chiechio). Partner tecnologico per la diretta Videobank.

Migliaia, come detto, i contatti da smartphone, tablet e pc, con picchi, durante la diretta, di oltre seimila visualizzazioni in contemporanea. Ma soprattutto l’occasione per una serie di riflessioni sul futuro dello spettacolo dal vivo ai tempi del coronavirus.

Il concerto del Teatro Antico di Taormina

“Siamo particolarmente lieti – ha detto Gabriella Tigàno, direttrice del Parco Archeologico – di essere nel Teatro Antico con l’Orchestra a plettro per uno spettacolo che è stato possibile realizzare grazie all’Ansa in questa splendida giornata di sole, quasi primaverile. Pensiamo di portare un raggio di luce nelle case degli italiani che, a causa dell’emergenza covid, non possono uscire”.

Gabriella Tigano

“Ringraziamo l’Ansa per lo stimolo – ha aggiunto Gabriella Tigàno – e rilanciamo: mettiamo a disposizione il Teatro Antico di Taormina per ospitare altri eventi come questo e condividere senza confini di spazio l’emozione di vivere anche a distanza – e “al tempo del Covid” – i luoghi della cultura, della memoria e della nostra storia millenaria”.

Apprezzamenti per il progetto e per il suo valore sociale e culturale sono giunti dall’assessore dei Beni Culturali Alberto Samonà.

“Permettere a tutti – ha detto – di poter assistere a un’iniziativa nonostante le difficoltà e i divieti di questo periodo è un modo per vivere la magia e la suggestione di luoghi unici che, per il momento, sono chiusi al pubblico; allo stesso tempo, è un segnale di vicinanza agli artisti che stanno vivendo un periodo difficile per la crisi economica dovuta allo stop”.

E proprio riguardo allo streaming come possibile soluzione della crisi dello spettacolo dal vivo si è espresso il segretario generale di Taormina Arte, Ninni Panzera.

“Questo concerto dell’Orchestra a plettro – ha detto Panzera – è un importante momento perché segna il debutto di Taormina Arte, insieme ad altri enti tra cui il Parco Archeologico e Taormina Film Fest, per far seguire a tutti delle attività di spettacolo dal vivo. Una linea che abbiamo deciso intraprendere e che ci porterà, presumibilmente, anche altre iniziative, anche in campo teatrale. Per esempio potrebbe essere replicato in diretta streaming lo spettacolo della scorsa estate con protagonista Gabriele Lavia. D’altra parte proprio il sistema dello streaming video è stato largamente utilizzato dal Taormina Film Fest sulla piattaforma Mymovies nella scorsa estate e sarà sicuramente replicato perché ha consentito una diffusione molto capillare del Festival del cinema in moltissimi contesti”.

Ninni Panzera

Ma, come detto, il comparto dello spettacolo dal vivo è in grande sofferenza e il problema non può essere risolto dagli spettacoli gratuiti, come ha sottolineato Lino Chiechio, General Manager di Videobank, società titolare della concessione del marchio TFF per il triennio 2020-2022 che è anche rappresentante di Videobank, partner tecnologico dell’iniziativa taorminese.

“In questo periodo, vista la situazione sanitaria – ha detto -, occorre trovare delle soluzioni per dare nuova linfa a un settore in fortissima crisi, quello dello spettacolo dal vivo: teatri, musica, e, in generale, artisti. Ritengo che oggi la tecnologia consenta di realizzare contenuti, ossia spettacoli teatrali e musicali, da far fruire sulle piattaforme, a cominciare da quelle televisive esistenti”.

Lino Chiechio

“La cosa importante – ha aggiunto Chiechio – è ovviamente dare la possibilità di commercializzare questi prodotti su piattaforme che abbiano un’ampia visibilità e quindi una notevole possibilità di catturare pubblico. Ci auguriamo un ingresso dei grossi network, come per esempio Netflix e Sky, piattaforme che consentano di far intraprendere una nuova via a un settore che altrimenti sarà destinato a morire”.

Per la cronaca, l’Orchestra a plettro Città di Taormina, istituzione che nel 2020 ha compiuto i 110 anni di attività, ha schierato sul palco del Teatro Antico, diretti dal maestro Antonino Pellitteri, 27 elementi, la più giovane appena maggiorenne, il più anziano con 81 primavere alle spalle, che usano solo strumenti a plettro come mandolino, mandola, mandoloncello, chitarra e contrabbasso.

L’orchestra ha eseguito una dozzina di celebri colonne sonore cinematografiche composte da Morricone, Rota, Piovani, Bacalov e Piazzolla, mentre l’Intermezzo della Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni ha aperto e chiuso l’evento.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684