Ucraina, Musumeci: "Sicilia pronta a ospitare i profughi" - QdS

Ucraina, Musumeci: “Sicilia pronta a ospitare i profughi”

Web-al

Ucraina, Musumeci: “Sicilia pronta a ospitare i profughi”

Web-al |
lunedì 28 Febbraio 2022 - 13:31

Il presidente della Regione Siciliana: "Coopereremo con le nove prefetture dell’Isola per fornire collaborazione e coordinare gli aspetti logistici"

“La Sicilia, culla di accoglienza e integrazione, con la generosità di sempre, è pronta a ospitare i profughi ucraini costretti a lasciare ogni cosa per fuggire dal conflitto in corso ai confini dell’Europa.  Coopereremo con le nove prefetture dell’Isola per fornire collaborazione e coordinare gli aspetti logistici, assieme alla Protezione civile regionale, per la distribuzione di farmaci e di ogni genere di prima necessità e perché i profughi possano avere tutta l’assistenza di cui necessitano. Con l’auspicio che, al più presto, quanto sta accadendo in Ucraina abbia soluzione positiva e pacifica”. Lo dichiara il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

La storia di Elena e le sue figlie

Si è quasi conclusa, e positivamente, l’esperienza straziante per l’ucraina Elena Pastux e le sue due figlie: Elisa, di 8 anni, disabile in carrozzina; Litiia, di 23 anni. Dopo il disperato appello di ieri, a seguito del quale si è mobilitato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, sono riuscite ad arrivare in Polonia. Domani saranno finalmente a Palermo.

La donna con la figlia piccola vive da anni a Palermo e si era recata in Ucraina per andare a prendere la primogenita per portarla con sé in Italia. Ha affrontato il viaggio con la figlia sulla carrozzina, che non lascia mai.

Avevano prenotato un areo per Roma, con partenza 3 marzo, ma la guerra le ha bloccate in Ucraina. Dopo un viaggio lungo e complicato, con l’aiuto di volontari e uomini di buona volontà, la famiglia è riuscita ad arrivare in Polonia. “Siamo in Polonia – conferma la mamma di Elisa e Littia – mi hanno aiutato volontari, dottori e poliziotti dell’Ucraina. Una signora polacca è riuscita a farmi passare. Elisa è raffreddata. Domani c’è un aereo che vola da Cracovia a Palermo. Dobbiamo comprare il biglietto”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684