Università, da settembre anche in Sicilia formula tra aula e distanza - QdS

Università, da settembre anche in Sicilia formula tra aula e distanza

redazione

Università, da settembre anche in Sicilia formula tra aula e distanza

mercoledì 24 Giugno 2020 - 02:00
Università, da settembre anche in Sicilia formula tra aula e distanza

Il ministro Gaetano Manfredi ha delineato gli scenari della ripartenza. “Dovremmo avere un sistema di lavoro che premia le competenze”

ROMA – “Siamo preoccupati e impegnati. Dobbiamo dare risposte concrete. Non possiamo perdere iscritti all’università, questa sarebbe una sconfitta. La formula che partirà a settembre sarà ibrida, lezioni in aula, gruppi e lezioni a distanza dove ci sono affollamenti molto alti. Abbiamo già messo in campo una serie di iniziative concrete. Abbiamo preso dei provvedimenti: l’abbattimento delle tasse per redditi fino a 20 mila euro, poi una riduzione sostanziosa delle tasse per i redditi tra 20 mila e 30 mila euro, agevolazioni per categorie che hanno perso reddito improvvisamente durante la crisi. Il 50 percento degli studenti o non pagherà le tasse o le pagherà in maniera ridotta. Insomma un intervento molto importate”. Così Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e della Ricerca, in un’intervista su Rai Radio1 a Radio anch’io, condotto da Giorgio Zanchini.

“La media del costo delle tasse italiane è di 900 euro. Ci sono sostanzialmente due modelli, quello anglosassone dove si paga molto e quello continentale dove si paga molto poco. Le tasse sono sicuramente un costo ma il costo più grande è quello che ci sta intorno. Il sistema italiano è deficitario nei servizi, servono borse di studio, dobbiamo investire sul welfare”. – ha continuato il ministro dell’Università e della Ricerca –

Abbiamo bisogno di più laureati nelle aree scientifiche perché questi settori richiedono più forza lavoro. Il mondo del lavoro italiano ha sempre premiato poco il titolo di studio, dovremmo avere un sistema lavoro che premi le competenze. Dovremmo partire dalle competenze per avere un paese più competitivo. Possiamo farlo, dobbiamo solo volerlo fare”, ha concluso il ministro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684