In venti anni l’Italia ha perso il 5,2% del Pil, la Sicilia tre volte di più - QdS

In venti anni l’Italia ha perso il 5,2% del Pil, la Sicilia tre volte di più

redazione

In venti anni l’Italia ha perso il 5,2% del Pil, la Sicilia tre volte di più

Patrizia Penna e Antonio Schembri  |
martedì 07 Giugno 2022 - 06:00

Dal 2000 al 2020 siamo passati da 94,4 a 78,5 miliardi. Politica incapace di dare alla Sicilia un futuro, una direzione. La nostra intervista a Salvatore Capasso (direttore Cnr–Ismed)

“Il Covid ha riportato le lancette dell’orologio a 20 anni fa”: così titolavano i giornali qualche giorno fa spiegando che l’Italia ha bruciato il 9% del Pil proprio a causa della pandemia. Tra il 2019 e il 2020, il Pil Sicilia ha perso l’8,2%, passando da 85,5 a 78,5 miliardi (fonte: Istat, valori concatenati con anno di riferimento 2015).
La Sicilia, però, ci dice sempre l’Istat, dal 2000 al 2020 ha perso il 16,8% del suo Pil, contro il -5,2% registrato a livello nazionale.

Nel 2000 la Sicilia stava decisamente meglio

Altro che venti anni fa! Le lancette dell’orologio sono andate molto più indietro in Sicilia, dal momento che nel 2000, con una ricchezza prodotta pari a 94,4 miliardi di euro, stavamo decisamente meglio.
Questi numeri drammatici ci dicono innanzitutto che la colpa di questo disastro non è solo dell’emergenza pandemica. Questi numeri ci restituiscono l’immagine di un tessuto produttivo reso estremamente fragile dall’incapacità della politica, a tutti i livelli, sia ben chiaro di dare alla Sicilia un futuro, una direzione.

Proprio qualche giorno fa è stato presentato a Palermo il rapporto sull’economia del Mediterraneo 2021-2022 a cura di Salvatore Capasso (direttore Cnr – Ismed).

Il Quotidiano di Sicilia lo ha intervistato. “Si tratta di una raccolta di saggi e approfondimenti scientifici argomenti specifici di uno scenario, che non si limita a snocciolare dati ma prova a interpretarli – spiega Capasso… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684