Catania - Efficienza e risanamento dei conti per salvare le società dal collasso - QdS

Catania – Efficienza e risanamento dei conti per salvare le società dal collasso

Melania Tanteri

Catania – Efficienza e risanamento dei conti per salvare le società dal collasso

giovedì 15 Aprile 2010 - 00:00

I sindacati chiedono all’amministrazione comunale la stesura di un Piano industriale e di risanamento. Le partecipate Asec Spa e Asec Trade alle prese con molti dubbi sul futuro

CATANIA – Aziende prossime al collasso, in sofferenza, senza un piano strategico che ne disegni il futuro. Questo il quadro di Asec Spa e Asec Trade – le aziende partecipate del Comune di Catania che gestiscono l’erogazione del gas – dipinto dai sindacati, Filctem Cgil, Femca Cisl, Uilcem Uil e Ugl energia.
In seguito agli incontri deludenti avuti con l’amministrazione comunale e con la seconda commissione consiliare, i lavoratori hanno deciso di attirare l’attenzione di media e cittadini su una situazione di crisi che “nessuno sembra voler risolvere”. Lo sciopero dei giorni scorsi, organizzato nel rispetto delle norme sulla garanzia dei servizi essenziali, ha visto i lavoratori, in presidio davanti ai cancelli della partecipata, chiedere garanzie ma soprattutto un indirizzo politico, che l’amministrazione non starebbe dando, in grado di proiettare l’azienda nel futuro.
“La protesta che abbiamo organizzato – afferma il segretario provinciale della Filctem Cgil di Catania, Giuseppe D’Aquila – rappresenta il primo passo di una vertenza che purtroppo si prefigura lunga e difficile. Le responsabilità dello scempio aziendale appaiono più che evidenti e sono da attribuire all’amministrazione comunale e al management aziendale, che ha fallito palesemente la missione del risanamento e del rilancio delle due aziende”.
Secondo i dati diffusi, i crediti in sofferenza di Asec Trade ammonterebbero a oltre 15 milioni di euro e non sarebbe chiaro quanti di questi siano esigibili; i debiti ammonterebbero a circa 14 milioni di euro, fra cui circa 7 milioni che la Trade deve all’Asec Spa. Secondo i sindacati, la crisi sarebbe stata causata da un’inefficiente e inefficace gestione protrattasi per anni “senza che a oggi, nonostante i nuovi consigli di amministrazione, si avvertano chiari segnali di discontinuità”.
“Vogliamo ripartire dall’essenziale – aggiunge D’Aquila – e dalla presentazione di un piano di rientro finanziario e di un piano industriale adeguato che non è più rinviabile. Dall’amministrazione comunale, a partire dal sindaco Raffaele Stancanelli, ci aspettiamo concretezza e rigore nelle scelte che segneranno il futuro di Asec Spa e Asec Trade. La nostra preoccupazione è che le aziende rischiano di essere ulteriormente depauperate e deprezzate”.
Preoccupazione condivisa dalla gran parte dei 67 dipendenti: l’adesione allo sciopero è stata, infatti, del 99 per cento.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684