Consumo di suolo: cementificazione record in Sicilia, +7% in un anno - QdS

Consumo di suolo: cementificazione record in Sicilia, +7% in un anno

Consumo di suolo: cementificazione record in Sicilia, +7% in un anno

sabato 23 Giugno 2018 - 00:00
La cementificazione, dal 1950 al 2011, è cresciuta in Italia del 166%, a fronte di un aumento della popolazione del 28% (Istat).
La Sicilia, secondo il rapporto Ispra del 2017, è con un +7,18 (rilevazione da novembre 2015 a maggio 2016) una delle regioni che hanno maggiormente contribuito all’aumento del consumo di suolo.
Malgrado questo, milioni di persone vivono in alloggi inadeguati o hanno il problema della casa.
Se ne è parlato a Palermo in un convegno del "Forum nazionale salviamo il paesaggio", nel corso del quale è stato presentato il disegno di legge "Norme per l’arresto del consumo di suolo e per il riuso dei suoli urbanizzati".
La misura in questione è stata elaborata, nell’ambito del Forum, dal cosiddetto "gruppo dei 75", che comprende esponenti delle associazioni ambientaliste, della Cgil ed esperti di varie discipline, ha avuto una gestazione di 13 mesi e dopo essere stata sottoposta all’analisi di tutte le forze politiche il 23 marzo, giorno di insediamento del Parlamento, è stata presentata alla Camera del M5S.
"Si tratta di un provvedimento dunque partito dal basso – ha detto Alessandro Mortarino, coordinato del gruppo dei 75 – che diventa ora punto di riferimento e di partenza per la discussione parlamentare".
Il consumo di suolo nel Paese da novembre 2015 a maggio 2016 è andato avanti al ritmo di 50 chilometri quadrati al giorno: una velocità di trasformazione pari a 3 metri quadrati di suolo ogni secondo.
"Il tema principale in questo contesto – ha rilevato Salvatore Lo Balbo della Cgil – è quello di fare rivivere i centri storici e di recuperare le periferie. In Sicilia oggi il totale degli edifici a uso abitativo è di oltre 1,7 milioni ma di essi 130 mila sono vuoti o inutilizzati. A questi vanno aggiunti gli immobili pubblici abbandonati e il patrimonio edilizio costruito nel dopoguerra, oggi fatiscente. Si aggiungono ancora i beni immobili sequestrati o confiscato alla mafia".
"Per la Cgil Sicilia – ha aggiunto Mimma Argurio, della segreteria della Cgil Sicilia – questi contenuti devono diventare una piattaforma integrata per lo sviluppo sostenibile".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684