Infiltrazione Isis dagli sbarchi. Indaga la Procura di Palermo - QdS

Infiltrazione Isis dagli sbarchi. Indaga la Procura di Palermo

redazione

Infiltrazione Isis dagli sbarchi. Indaga la Procura di Palermo

giovedì 18 Dicembre 2014 - 08:00
Infiltrazione Isis dagli sbarchi. Indaga la Procura di Palermo

Un rischio concreto segnalato dagli ambienti dei Servizi segreti

PALERMO – La Procura della Repubblica del capoluogo ha aperto un’indagine su possibili infiltrazioni da parte dei terroristi dell’Isis tra i migranti sbarcati negli ultimi mesi sulle coste della Sicilia. A segnalare il rischio sarebbero stati ambienti dei Servizi segreti, che hanno indotto la Magistratura ad alzare il livello di guardia. Stando a quanto trapelato finora sull’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero Gery Ferrara, i presunti terroristi giunti in territorio italiano sarebbero libici e siriani.
Non è la prima volta che si parla del rischio di infiltrazione in Italia da parte dei terroristi islamici: nei mesi scorsi era stato lo stesso ministro dell’Interno, Angelino Alfano, a parlare di questa possibilità, indicando proprio nella Sicilia la “porta d’ingresso” di possibili membri dell’Isis.
A preoccupare, in tal senso, sono soprattutto i numeri legati agli sbarchi in Sicilia. Soltanto nel 2014, infatti, sull’Isola sono approdati 197 mila migranti, un numero enorme di persone che secondo gli inquirenti che moltiplica il pericolo.
Le informazioni riservate raccolte dalla Procura di Palermo, che ha affidato l’inchiesta al pool antiterrorismo, vanno oltre l’allarme generico. Alcuni dei sospetti avrebbero già lasciato il territorio italiano, mentre altri si troverebbero ancora nel Paese.
La Procura di Palermo da mesi ha costituito anche un gruppo di lavoro contro la tratta dei migranti, che ha messo a punto metodologie investigative – si tratta di un vero e proprio protocollo d’indagine – per riuscire a risalire alle organizzazioni che gestiscono i flussi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684