Acqua gratis, siccità assicurata - QdS

Acqua gratis, siccità assicurata

Carlo Alberto Tregua

Acqua gratis, siccità assicurata

mercoledì 28 Giugno 2017 - 00:00

Referendum, giù gli investimenti

Il referendum del giugno 2011, proposto da persone incapaci di valutare le conseguenze, è stato approvato dal popolo con il 95% dei Sì. L’oggetto suggestivo dello stesso era: acqua gratis per tutti. Ovviamente si trattava di uno specchietto per le allodole e della conferma di una verità inequivocabile: l’acqua non si può vendere.
Ma, ed è qui l’inghippo, la vera questione non riguarda l’acqua in quanto tale, bensì tutta l’attività di servizi che servono per creare e mantenere tutti i bacini di raccolta, per le reti che partono dagli stessi e vanno nei campi o nelle reti dei comuni, per rinnovare e mantenere le reti dei comuni stessi.
Insomma, una attività organizzativa ed economica che va pagata e che deve essere ciclica e continuativa: ciclica perché gli impianti vanno rinnovati, seppur a periodi lunghi; continuativa perché occorre fare l’ordinaria manutenzione.
La siccità lamentata in questi giorni in diverse regioni e comuni d’Italia, è una conseguenza disastrosa di quel referendum, non solo perché piove di meno, ma soprattutto perché le reti perdono il 50% del prezioso liquido.

Se tutta l’acqua potesse arrivare dai bacini alle reti comunali e ai campi per l’irrigazione, probabilmente non vi sarebbero queste lamentele. Invece l’opinione pubblica, che con una sua maggioranza ha approvato il referendum contro i gestori delle reti, non ha capito che la causa di quanto denunziato non è solo la siccità ma appunto la perdita di acqua.
Come dire: acqua gratis uguale siccità assicurata. Non sappiamo se quelli che protestano perché l’acqua non arriva ai rubinetti delle case e in quelli delle industrie o delle aziende agricole abbiano approvato il referendum, però ci dispiace che i media (carta stampata e radiotelevisioni) non colleghino la situazione lamentata con il referendum indicato.
Il popolo non ragiona molto, viene gabellato da imbroglioni come fanno i cattivi televenditori, con la conseguenza che si esprime contro il buon senso e contro l’efficienza necessaria per fare funzionare i servizi pubblici.
Massmediologi e sondagisti, che lavorano a pieno ritmo, cercano di capire l’umore del popolo e in base ad esso consigliano i loro clienti politici in una direzione o nell’altra.

I clienti di codesti professionisti non valutano quale sia l’interesse generale e l’interesse nazionale, ma si preoccupano di cogliere il consenso, giorno per giorno, in ognuna delle tornate elettorali che ormai sono cadenzate quasi ogni anno .
Essi si comportano esattamente al contrario di come dovrebbero, perché non sono statisti e quindi non approvano provvedimenti impopolari, che non hanno il consenso di tutti, giorno per giorno, ma hanno ricadute positive a cinque o dieci anni.
Questa classe politica, formata (non tutta) da persone mediocri e da senza mestiere – che hanno trovato un posto di lavoro in Parlamento o nei Consigli regionali o comunali – non può certamente programmare un futuro adeguato a quello che meriterebbe il nostro Paese.
Al Sud, il quadro delineato ha tinte ancora più fosche perché clientelismo, favoritismo e criminalità organizzata condizionano un popolo mediamente più ignorante e bisognoso, con la conseguenza che trova facile attuazione lo scambio tra consenso e bisogno.

Il problema dei servizi idrici non si risolve affidando alle partecipate comunali o regionali il compito di investire e gestire le reti, perché il settore pubblico non ha le relative capacità organizzative. Si risolve affidando a imprese questo compito, sorvegliandole però costantemente, in modo che i servizi siano sempre della necessaria qualità, ragguagliata alle tariffe.
Non dobbiamo inventare niente, perché quanto descritto c’è in moltissimi Paesi d’Europa, più avanzati del nostro. Basta copiare quei modelli organizzativi e di sorveglianza per attuare sistemi uguali o analoghi, seppur adattati al nostro Paese.
Non è più sopportabile l’equivalenza acqua gratis, siccità assicurata. Occorre che i politicanti si rendano conto che così vanno verso il baratro; occorre che i cittadini facciano il loro mestiere e controllino che i loro dipendenti eseguano il proprio volere.
Fino a quando non funzionerà questo rapporto, molti cittadini resteranno senz’acqua e senza altri servizi essenziali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684