Ars, privilegi di fine legislatura: finché non si insediano i nuovi onorevoli, i vecchi guadagnano - QdS

Ars, privilegi di fine legislatura: finché non si insediano i nuovi onorevoli, i vecchi guadagnano

redazione

Ars, privilegi di fine legislatura: finché non si insediano i nuovi onorevoli, i vecchi guadagnano

martedì 21 Novembre 2017 - 18:00
Ars, privilegi di fine legislatura: finché non si insediano i nuovi onorevoli, i vecchi guadagnano

Poteri e privilegi moralmente discutibili, nonostante previsti dalla legge, per 90 deputati che ci costano 20 mila euro ciascuno al mese

PALERMO – Assemblea regionale ferma, Aula vuota, ma deputati regolarmente pagati, come se svolgessero la loro piena attività parlamentare. Paradossale, ma tristemente reale.
Riepiloghiamo: l’attività dell’Assemblea regionale siciliana si è di fatto conclusa da più di due mesi ed è quindi dal 20 settembre – giorno più, giorno meno – che non si svolgono più sedute a Palazzo dei Normanni. Sala d’Ercole si è svuotata di deputati per far posto agli artigiani che hanno lavorato in queste settimane, è notizia degli ultimi giorni, per ristrutturare scranni e locali, in tempo per l’avvio della nuova legislatura.
Nonostante questo stop tecnico di – ripetiamo – due mesi circa – nel quale gli onorevoli si sono potuti dedicare a tempo pieno all’attività politica e alla campagna elettorale, hanno continuato a ricevere regolarmente i loro compensi. Che, ricordiamo, equivalgono a una spesa pubblica di circa 20 mila euro al mese per ciascun deputato. Di questi, circa 11 mila euro finiscono nel singolo portafogli del singolo deputato. E i deputati, ricordiamolo pure, finora sono stati 90. Novanta. I compensi vengono tuttora elargiti e verrano elargiti finché non si insedierà la nuova Assemblea, eletta il 5 novembre.
Tutto questo è reso possibile grazie a una legge costituzionale del 1972 che ha modificato lo Statuto della Regione siciliana e ha stabilito che “finché non sia riunita la nuova Assemblea regionale siciliana, sono prorogati i poteri della precedente Assemblea”.
Poteri e privilegi, aggiungiamo noi. Previsti dalla legge, ma sempre privilegi moralmente discutibili. Perché non sempre quel che è legale è pure morale.


Domani, sul Quotidiano di Sicilia, un servizio completo sull’argomento.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684