Occupazione: aumentano i "working poor" in Italia, uno su otto - QdS

Occupazione: aumentano i “working poor” in Italia, uno su otto

redazione

Occupazione: aumentano i “working poor” in Italia, uno su otto

domenica 18 Marzo 2018 - 11:00
Occupazione: aumentano i “working poor” in Italia, uno su otto

La crescita di precariato e part-time e fa impennare il numero di coloro i quali, pur avendo un'occupazione, sono a rischio povertà. La Fondazione Giuseppe Di Vittorio della Cgil, "Un bacino enorme, di quattro milioni e mezzo di persone, intervenire sulle leggi che regolano il mercato del lavoro"

In Italia cresce il lavoro precario e part-time e aumenta il fenomeno dei cosiddetti "working poor", ovvero di coloro che pur avendo un’occupazione sono a rischio povertà. Secondo i dati Eurostat riferiti al 2016 l’11,7% degli occupati nel Paese, quasi uno su 8, è a rischio povertà. Parliamo di un bacino amplissimo pari a circa 2,6 milioni di persone. Che sarebbe ulteriormente aumentato secondo i dati forniti dalla Fondazione Giuseppe Di Vittorio della Cgil: negli ultimi cinque anni sono cresciuti i part-time involontari e, negli ultimi due, le assunzioni a tempo determinato, "portando l’area del disagio tra gli occupati a 4,5 milioni di persone".
"Il numero complessivo degli occupati, pur importante – ha sottolineato Fulvio Fammoni, presidente della Fondazione – rappresenta un’immagine molto parziale della condizione del lavoro in Italia, dove la qualità dell’occupazione è in progressivo e consistente peggioramento. È evidente dai dati, che la ripresa non è in grado di generare occupazione quantitativamente e qualitativamente adeguata, con una maggioranza di imprese che scommette prevalentemente su un futuro a breve e su competizione dicosto. Come pure è evidente che è necessario intervenire sulle attuali norme legislative che regolano il mercato del lavoro che incidono in modo negativo sulla qualità del lavoro stesso".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684