Maschere, gadget e trucchi: i consigli per un carnevale sicuro - QdS

Maschere, gadget e trucchi: i consigli per un carnevale sicuro

Serena Giovanna Grasso

Maschere, gadget e trucchi: i consigli per un carnevale sicuro

venerdì 01 Marzo 2019 - 06:00
Maschere, gadget e trucchi: i consigli per un carnevale sicuro

L'Unione nazionale dei consumatori: accertarsi che i costumi non contengano piccole parti ingeribili. Controllare sempre l’etichetta dei cosmetici per verificare la data di scadenza. Per parrucche, costumi o barbe finte, verificare che non vi sia il rischio di infiammabilità:dovrebbe comparire il marchio CE, necessario alla classificazione come giocattolo

Si ringraziano Fondazione Carnevale e Comune di Regalbuto

PALERMO – Siamo nei giorni clou del periodo carnevalesco, la festa per i bambini per eccellenza. Maschere, giochi, costumi, make-up e chi più ne, più ne metta. I pericoli per la sicurezza, però, si celano dietro l’angolo. Trucchi nocivi per la salute, costumi infiammabili e gadget troppo piccoli e facilmente ingeribili: di questo e molto altro ancora si compone il bollettino annuale.
Molte sono le attenzioni che si devono rivolgere per la scelta dei giusti gadget e costumi. La guida dell’Unione nazionale dei consumatori ci aiuterà a fare chiarezza. Iniziamo subito: innanzitutto, occorre controllare che le maschere di carnevale non abbiano bordi taglienti o parti acuminate. Inoltre, è necessario che lascino un’apertura sul volto tale da evitare il rischio di soffocamento. Preferire maschere prive di glitter e brillantini perché possono facilmente staccarsi e finire negli occhi, causando irritazioni.
Se si sceglie di indossare parrucche, costumi o barbe finte bisogna sempre leggere con attenzione le etichette per controllare che non vi sia il rischio di infiammabilità: dovrebbe comparire il marchio CE, necessario alla classificazione come giocattolo. Solo così si avrà la garanzia della non infiammabilità del prodotto.
Relativamente ai costumi, bisogna prestare attenzione alle piccole parti: bottoni e piccole decorazioni potrebbero staccarsi ed essere ingoiate soprattutto dai bambini più piccoli.
Le bombolette spray di schiume colorate e stelle filanti non sono adatte ai più piccoli: anche se spesso al supermercato le troviamo sugli scaffali insieme a maschere e coriandoli, non si tratta di giocattoli perché non superano le prove di sicurezza riguardanti l’assenza di sostanze che possono irritare gli occhi.
Attenzione anche ai classici trucchi usati nel mascheramento, come fondotinta e rossetti: in particolare, è consigliabile diffidare di cosmetici di bassa qualità acquistati sulle bancarelle, perché potrebbero provocare allergie e irritazioni alla pelle, soprattutto se si considera che quella dei bambini è particolarmente delicata. È preferibile usare trucchi ipoallergenici adatti all’età. Bisogna controllare sempre l’etichetta per verificare la data di scadenza o il periodo di tempo in cui il prodotto può essere utilizzato una volta aperto.
Inoltre, prima di procedere al trucco, è consigliabile testare il prodotto su un lembo della pelle del bambino (in genere si fa una prova dietro all’orecchio) per verificarne la sensibilità. Prima del trucco, è consigliabile applicare una crema idratante sulla pelle del bambino per formare una barriera protettiva: infatti, alcuni prodotti in vendita in profumeria o in farmacia, indicati come base per il trucco, proteggono la pelle dal contatto diretto con i colori. Finita la festa, bisogna rimuovere il trucco con uno struccante delicato e sciacquare il viso con acqua abbondante.
Infine, anche se sono consentiti per legge, è meglio evitare i prodotti che contengono parabeni. I colori per la pelle più adatti ai bambini sono quelli a base d’acqua, venduti in forma di acquarelli che si sciolgono con il pennello bagnato: si applicano e si rimuovono con maggiore facilità rispetto ai prodotti in pasta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684