Abuso di permessi, infermiera licenziata in appello - QdS

Abuso di permessi, infermiera licenziata in appello

redazione web

Abuso di permessi, infermiera licenziata in appello

domenica 07 Febbraio 2021 - 07:12
Abuso di permessi, infermiera licenziata in appello

La sentenza della Corte di Palermo riforma quella del Tribunale di Marsala. Anche il marito, consigliere comunale, era stato licenziato per lo stesso motivo e dalla stessa struttura

Aveva fatto ricorso in appello sperando di ottenere una somma di denaro più cospicua, invece è stata condannata al licenziamento.

Protagonista della vicenda giudiziaria è Rosalba Indelicato, infermiera alla Casa di cura “Morana” di Marsala (Trapani): in primo grado il giudice del lavoro aveva dato torto alla Clinica, che l’aveva licenziata per aver abusato di permessi concessi in base alla legge 104, che consente di assentarsi per assistere congiunti disabili.
Il giudice di primo grado aveva ordinato il reintegro della donna e riconoscendole un risarcimento di 3.593 euro.
Come detto, oltre al datore di lavoro, a proporre appello alla sentenza fu anche la Indelicato, lamentando un errore del giudice nel calcolo della somma.

Adesso, però, la Corte d’appello di Palermo, sezione per le controversie di lavoro, ha ribaltato la sentenza del Tribunale di Marsala, sostenendo che anche un solo episodio di abuso dei permessi concessi in base alla legge 104, se regolarmente contestato, può determinare il licenziamento del lavoratore.

Il particolare curioso è che nella stessa struttura sanitaria privata lavorava anche il marito di Rosalba Indelicato, l’ex consigliere comunale Alfonso Marrone, anche lui già licenziato nel 2017, con conferma in sede giudiziaria, in primo e secondo grado, per essersi assentato più volte dal posto di lavoro.

L’uomo, che era infermiere caposala, aveva ottenuto permessi per partecipare a riunioni della commissione consiliare di cui faceva parte.

Riunioni che, però, venne accertato, disertava per fare altro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684