Acciaierie di Sicilia ferme, Uilm: "Lavoratori in cassa integrazione, politica agisca" - QdS

Acciaierie di Sicilia ferme, Uilm: “Lavoratori in cassa integrazione, politica agisca”

web-sr

Acciaierie di Sicilia ferme, Uilm: “Lavoratori in cassa integrazione, politica agisca”

web-sr |
giovedì 15 Settembre 2022 - 18:35

"Adesso è il momento di agire, prima di compromettere irrimediabilmente il tessuto industriale e sociale", sottolinea il sindacato.

“Apprendiamo favorevolmente che anche le associazioni confindustriali territoriali di Sicilia e Sardegna, aggiungendosi a quelle di Uilm e degli altri sindacati, hanno oggi formalmente sollecitato i ministeri competenti di Transizione Ecologica e Sviluppo Economico a emettere i decreti attuativi dell’art.16 bis del Decreto energia per attenuare il rincaro dei prezzi“.

Così Guglielmo Gambardella e Giuseppe Caramanna, coordinatore nazionale Uilm per la siderurgia e segretario responsabile Uilm Catania in una nota.

Difficoltà economica accentuata per le famiglie

“La risposta da parte delle Istituzioni e Governo è estremamente urgente per tutte le realtà produttive delle due isole maggiori per far fronte al caro energia, ancora più penalizzante per le realtà insulari”, sottolineano Gambardella e Caramanna.

“In conseguenza di questa situazione – aggiungono – Acciaierie di Sicilia e le aziende dell’indotto sono state costrette a mettere 500 lavoratori in cassa integrazione accentuando la condizione di difficoltà economica che tutte le famiglie stanno attraversando a causa dell’aumento del costo della vita”.

“Adesso è il momento di agire”

“In un momento di campagna elettorale è necessario che la politica non si presenti solo con slogan ma con soluzioni ai problemi contingenti dei cittadini e dei lavoratori italiani. Adesso è il momento di agire, prima di compromettere irrimediabilmente il tessuto industriale e sociale, soprattutto di quello presente nelle aree più svantaggiate del nostro Paese.

“Rinnoviamo il nostro appello al Governo e alle istituzioni regionali ad individuare le necessarie soluzioni strutturali al problema in questione”, conclude.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001