Agrigento, Paesc approvato, bisogna recuperare dieci anni - QdS

Agrigento, Paesc approvato, bisogna recuperare dieci anni

Irene Milisenda

Agrigento, Paesc approvato, bisogna recuperare dieci anni

venerdì 18 Dicembre 2020 - 00:00
Agrigento, Paesc approvato, bisogna recuperare dieci anni

Via libera al Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima. Ora l’Ente potrà intercettare i fondi europei messi a disposizione per l’efficientamento ambientale e la diffusione delle rinnovabili

AGRIGENTO – Il Comune, dopo sette anni di attesa, si è finalmente dotato di un documento strategico per il futuro della città sotto l’aspetto dell’energia sostenibile e della tutela dell’ambiente: il Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima (Paesc).

Fino a oggi la città di Agrigento, in mancanza di questo documento, non ha potuto accedere ai fondi Europei e quindi della possibilità di migliorare le condizioni di vita della propria città con progetti mirati di sostenibilità, finalizzati a ridurre l’emissione di Co2 in atmosfera. Secondo quanto riferito dall’assessore alle Politiche economiche, Gerlando Principato, il Comune stava rischiando di perdere circa tre milioni e mezzo di euro di finanziamento europeo per l’utilizzo di fondi destinati all’utilizzo di energie rinnovabili.

“Intendiamo perseguire – ha sottolineato l’assessore – concrete politiche di sostenibilità ambientale e pertanto abbiamo aderito al Paesc. Non possiamo permetterci di perdere i finanziamenti disponibili. Rispetto al resto di Europa siamo rimasti indietro dieci anni, che pesano non poco nell’obiettivo dettato dal Patto dei sindaci di ridurre del 40% l’emissione di Co2 in atmosfera entro il 2030, quindi nei prossimi dieci anni”.

“Non soltanto siamo tenuti a recuperare quanto perso – ha concluso l’assessore – ma dobbiamo programmare con minuzia i prossimi dieci anni rimasti, per rientrare nell’obiettivo prefissato”.

Entro la fine del mese, l’assessore Principato, con l’aiuto dell’ingegnere Guido Donato Mozer presenterà il progetto del Comune di Agrigento agli uffici competenti di a Bruxelles.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684