Agrigento, solidarietà nei confronti della comunità cinese - QdS

Agrigento, solidarietà nei confronti della comunità cinese

redazione

Agrigento, solidarietà nei confronti della comunità cinese

giovedì 13 Febbraio 2020 - 00:00
Agrigento, solidarietà nei confronti della comunità cinese

Una testimonianza che si vuole opporre all’ignoranza che genera paura e discriminazione. Dal Teatro Pirandello il messaggio dei giovani contro i timori legati al Coronavirus

AGRIGENTO – Una città inclusiva, che guarda al resto del mondo non con timore ma con solidarietà, lasciandosi alle spalle inutili stereotipi per costruire un futuro basato sulla condivisione e sulla lotta all’ignoranza. Così vuole essere Agrigento, che oggi più che mai guarda al futuro con ottimismo, senza però dimenticare i suoi 2.600 anni di storia.

Una storia fatta di dominazioni e contaminazioni, di tanti popoli che sono passati da quest’area della Sicilia e hanno lasciato sempre qualcosa: esperienze, tradizioni, opere di vario genere. Ecco perché, per tenere fede a questo retaggio, in un momento così delicato per il popolo cinese la comunità agrigentina ha deciso di schierarsi senza mezzi termini contro chi ha fatto della diffusione del Coronavirus l’ennesimo pretesto per alimentare la paura del diverso.

Una testimonianza forte e chiara, arrivata tramite le parole del sindaco Lillo Firetto. “Tutta la città di Agrigento – ha affermato – vi è vicina con il cuore. Sarà un momento che supereremo tutti insieme. We love China”.

Dal Teatro Luigi Pirandello, il promo cittadino ha voluto lanciare forte e chiaro un messaggio di solidarietà che è stato inviato al popolo cinese che vive l’epidemia del Coronavirus. Agrigento ha instaurato un rapporto di amicizia con la Cina e in particolare con la città di Neijang e il distretto sino-italiano della nuova area di Tianfu. A novembre il Comune ha siglato un protocollo d’intesa con Neijang per il turismo, il commercio e la cultura. E anche per questo l’Amministrazione ha voluto tendere una mano alla comunità cinese.

“Abbiamo pensato – ha concluso Firetto – che non ci sarebbe stato messaggio più bello di quello proveniente dai nostri giovani e così, dalla suggestiva cornice del Teatro Pirandello, abbiamo inviato un video di solidarietà”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684