Caccia, Lav a Speranza, "Possibilità di nuovo virus per l'uomo" - QdS

Caccia, Lav a Speranza, “Possibilità di nuovo virus per l’uomo”

web-iz

Caccia, Lav a Speranza, “Possibilità di nuovo virus per l’uomo”

web-iz |
venerdì 22 Gennaio 2021 - 17:17

“In un periodo in cui il nostro Paese è sottoposto alla preoccupante diffusione dell’epidemia di Covid-19, non si capisce per quale motivo i cacciatori possano continuare indisturbati a uccidere e manipolare animali potenzialmente infetti.  Chiediamo che il ministro della Salute Speranza, con un’ordinanza urgente, sospenda immediatamente la caccia a tutte le specie  migratorie!”.

Lo dichiara in un comunicato Massimo  Vitturi, responsabile LAV, area Animali Selvatici.  “Il numero di animali selvatici portatori di influenza aviaria ad alta patogenicità continua ad aumentare – scrive la Lav -.  Il Centro di referenza nazionale del ministero della Salute per l’influenza aviaria comunica di avere individuato la presenza del virus H5 in ben 92 campioni di uccelli uccisi dai cacciatori in Veneto e Friuli-Venezia Giulia, mentre altri 2 casi sono stati individuati in uccelli rinvenuti morti”.

“Il  Centro nazionale per l’influenza aviaria, costituito presso l’Istituto Zooprofilattico delle Venezie – prosegue la Lav -, a  proposito del virus di cui potrebbero essere portatori gli uccelli selvatici, precisa che ‘data l’elevata frequenza con cui questi virus vanno incontro a fenomeni di mutazione, c’è la concreta possibilità che da un serbatoio animale possa originare un nuovo virus per il quale la popolazione umana risulta suscettibile'”. 

“La caccia, quindi, si configura come possibile fonte di un nuovo spillover – conclude l’ong -, estremamente pericoloso non solo per i cacciatori, possibili responsabili del salto di specie di un virus da animale a uomo, ma anche per tutti i cittadini, che poi potrebbero essere da loro contagiati”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684