Catania, le scelte di Ferraro e il calo: perché il turnover può aiutare

Catania, i fedelissimi di Ferraro e il calo: ecco perché il turnover può aiutare

Web-al

Catania, i fedelissimi di Ferraro e il calo: ecco perché il turnover può aiutare

Simone Vicino  |
mercoledì 07 Dicembre 2022 - 14:44

I rossazzurri proseguono la loro marcia in campionato e mantengono saldamente il primo posto. Complice il calo di alcuni interpreti, però, potrebbe cambiare qualcosa

Con 36 punti guadagnati in 14 partite, il Catania di Giovanni Ferraro è più che saldamente in testa al Girone I del campionato di Serie D. L’imbattibilità stagionale, gli undici punti di vantaggio, il miglior attacco, la miglior difesa e la migliore differenza reti del raggruppamento sono dati che consentono di tracciare un quadro che vede la formazione rossazzurra quale assoluta dominatrice del torneo. Nonostante un periodo di fisiologico e comprensibile calo.

Saldamente in testa, nonostante tutto

Il Catania delle ultime giornate, infatti, è parso meno brillante di quello che aveva iniziato il campionato con nove vittorie nelle prime nove gare. I tre pareggi consecutivi in trasferta (contro Cittanovese, Lamezia Terme e Sancataldese), uniti alla vittoria di misura ottenuta al Massimino contro l’Acireale, hanno evidenziato qualche sbavatura in un percorso, quello della squadra di Ferraro, che numeri alla mano sfiora la perfezione. Nel calcio non sempre si può tirare al massimo, arriva un momento in cui inevitabilmente bisogna gestire. Specie quando alcuni dei tuoi uomini chiave – Rizzo, Rapisarda e Sarno per fare qualche nome – dopo aver iniziato la stagione in maniera strepitosa attraversano ora un periodo di minore lucidità.

I quattro fedelissimi di Ferraro

Osservando in particolare il reparto di centrocampo, si può notare come il tecnico di Vico Equense stia puntando solo su quattro calciatori: Giuseppe Rizzo, Francesco Lodi, Mattia Vitale e Marco Palermo. Se infatti Rizzo, finora, ha giocato tutte le partite (e da titolare), Vitale ne ha disputate tredici (saltandone una sola per squalifica), Lodi dodici (due panchine per scelta tecnica) e Palermo dieci (otto da subentrato). Chiaro lo schema: Rizzo-Lodi-Vitale è il centrocampo titolare, con pronto l’ingresso di Palermo per il capitano intorno all’ora di gioco. Uno schieramento che ha senz’altro dati grandi frutti, come testimonia la classifica. Palermo che è tra l’altro l’unico centrocampista spesso presente in panchina, una scelta che Ferraro effettua per avere più giocatori d’attacco pronti ad entrare a gara in corso. Vitale, che sta giocando un grande campionato, è la scelta fissa per lo slot “2004”.

Si andrà avanti così?

Il campionato però è lungo, e allora ci si chiede se, in mezzo al campo, si possa pensare a qualche accorgimento differente stante la minore brillantezza di qualche interprete. A disposizione del tecnico c’è per esempio Cristiano Bani, appena tre presenze in campionato (l’ultima il 19 ottobre), mentre hanno di frequente avuto qualche acciacco fisico Simone Buffa (tre presenze, una da titolare) e soprattutto Alessandro Russotto (appena uno scampolo di partita a Licata). Zero presenze in campionato, invece, per Orazio Di Grazia. Detto che solo l’allenatore può valutare con precisione lo stato di forma dei giocatori, un’idea, per variare lo spartito, potrebbe essere proprio quella di puntare maggiormente su uno di questi ragazzi. Ferraro sarà di questo avviso?

Tag:

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001