Carceri, detenuto tenta il suicidio all'Ucciardone di Palermo - QdS

Carceri, detenuto tenta il suicidio all’Ucciardone di Palermo

Web-al

Carceri, detenuto tenta il suicidio all’Ucciardone di Palermo

Web-al |
venerdì 11 Febbraio 2022 - 12:21

Un detenuto del carcere Ucciardone di Palermo ha tentato di togliersi la vita impiccandosi. Il 31enne è stato trovato dagli agenti della polizia penitenziaria con le lenzuola al collo. Puntuale l’Intervento dei sanitari che sono riusciti a ‘slegarlo’ e chiamare immediatamente un’ambulanza. Il giovane è stato portato a Villa Sofia, le sue condizioni sono critiche. Il tutto a soli due giorni dalla morte di un 25enne trovato impiccato in cella.

Il sindacato Uil

Sulla triste vicenda è intervenuta Uilpa Polizia Penitenziaria Sicilia, sottolineando in una nota che “stavolta anche con il poco personale in servizio, la Polizia Penitenziaria ha fatto il miracolo, riuscendo a portarlo all’ospedale, dove risulta attualmente ricoverato”.

“La drammaticità è che – insistono dal sindacato Uil – ieri sera pare fossero in servizio pochissime unità di Polizia Penitenziaria a vigilare sui quasi 400 detenuti del ‘Calogero Di Bona’ Ucciardone, e che in quel reparto dove si è verificato l’evento critico c’erano solamente due unità di Polizia Penitenziaria per 4 piani”.

“E’ semplicemente impossibile – insistono i leader della Uil – garantire la sicurezza con questi numeri, perché il successivo ricovero del detenuto in ospedale ha ulteriormente ridotto il numero di poliziotti, scendendo a livelli drammaticamente impossibili, perché scesi addirittura sotto la doppia cifra”.

“Infine, – concludono i rappresentanti della Uilpa Polizia Penitenziaria Sicilia – per garantire il servizio il personale ha espletato nell’arco di 24 ore, 18 ore di servizio, ragion per cui speriamo che i professoroni che parlano e blaterano di carcere senza conoscerlo, prendano atto della disfatta delle loro teorie, che rispetto la realtà delle trincee carcerarie sono aria fritta, e la drammaticità del sistema si regge solo grazie a chi opera in font-office, è cioè la Polizia Penitenziaria, che poi ha puntualmente puntato il dito contro, mentre la verità è che nelle carceri siciliane mancano 1000 unità ma nessuno ne parla”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684