Caro carburante, partiti sconti in Sicilia, dove e quando conviene - QdS

Caro carburante, partiti sconti in Sicilia, dove e quando conviene

web-la

Caro carburante, partiti sconti in Sicilia, dove e quando conviene

web-la |
martedì 22 Marzo 2022 - 19:55

Il taglio delle accise previsto dai due provvedimenti pubblicati in Gazzetta (decreto ministeriale e decreto legge), pari a 25 centesimi per benzina e diesel

Scattata da oggi la riduzione delle accise sui carburanti e quindi del loro prezzo di vendita. Sono infatti stati pubblicati nella notte sulla Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale e il decreto legge “Misure urgenti per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” contenenti le norme che ne riducono il prezzo, che sono così entrati in vigore.

Taglio delle accise

Il taglio delle accise previsto dai due provvedimenti pubblicati in Gazzetta (decreto ministeriale e decreto legge), pari a 25 centesimi per benzina e diesel, vale 25 centesimi, a cui aggiungere l’Iva al 22%.

In totale lo sconto al consumo sui prezzi dei due carburanti ammonta dunque a 30,5 centesimi. Per il Gpl le accise diminuiscono invece di 8,5 centesimi, come previsto nel decreto ministeriale. Sommando l’Iva si arriva al consumo a 10,37 centesimi.

Servirà qualche giorno in più, invece, per l’arrivo del decreto legge con tutte le altre norme, dalla sterilizzazione degli aumenti di energia per le famiglie sotto i 12mila euro di Isee alle rate per le imprese in difficoltà, fino al prelievo del 10% sugli extraprofitti delle società energetiche.

Quando fare il pieno di benzina?

In Sicilia, come nel resto d’Italia, sarà dunque meglio attendere il fine settimana o l’inizio della prossima. “Aspettare qualche giorno prima di fare il pieno. Il tempo necessario affinché gli sconti sulle accise annunciati dal governo entrino effettivamente in vigore”, dice Romina Maurizi, direttrice di Quotidiano Energia.

Dove fare il pieno?

Da app e segnalazioni sembra che attualmente i prezzi siano più conveniente nella Sicilia orientale, verso Catania. Anche Assopetroli Sicilia ha notato la differenza. Il perchè? “Sarebbe da chiedere alle compagnie petrolifere”. Forse la vicinanza della raffineria aiuta.

I prezzi oggi

I prezzi di benzina e gasolio alla pompa, in attesa del taglio delle accise sono comunque già scesi. Il gasolio torna a essere meno caro della benzina. Continuano ad aumentare le quotazioni internazionali del gasolio. Brent a 111 dollari. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, sabato IP ha ridotto i prezzi consigliati della benzina di 6 cent/litro e quelli del diesel di 10 cent. Per Q8 rispettivamente -5 e -10, per Tamoil -6 e -8.

Queste sono le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 15mila impianti: benzina self service a 2,134 euro/litro (-78 millesimi, compagnie 2,138, pompe bianche 2,125), diesel a 2,120 euro/litro (-98, compagnie 2,122, pompe bianche 2,113).

Benzina servito a 2,247 euro/litro (-78, compagnie 2,284, pompe bianche 2,176), diesel a 2,236 euro/litro (-102, compagnie 2,273, pompe bianche 2,162). Gpl servito a 0,888 euro/litro (+16, compagnie 0,892, pompe bianche 0,884), metano servito a 2,230 euro/kg (invariato, compagnie 2,342, pompe bianche 2,152), Gnl 2,122 euro/kg (+4, compagnie 2,141 euro/kg, pompe bianche 2,108 euro/kg).

Questi sono i prezzi sulle autostrade: benzina self service 2,217 euro/litro (servito 2,415), gasolio self service 2,216 euro/litro (servito 2,424), Gpl 0,985 euro/litro, metano 2,677 euro/kg, Gnl 2,099 euro/kg.

La speculazione

Luciano Parisi, presidente assopetroli Sicilia: “Certo, è colpa della guerra tra Ucraina e Russia e della tensione internazionale, ma è ovvio che in molti ci stanno speculando”, dice Parisi.

Il problema però non sarà certo risolto e Parisi punta il dito anche sui piani per il futuro: “Le raffinerie, e in Sicilia ce ne sono, andranno chiuse nel 2035, quindi è normale che non ci siano progetti a lungo termine, così come non c’è un vero e proprio piano per la sostenibilità – dice Parisi -. In pratica non c’è un vero e proprio piano energetico e su questo dobbiamo intervenire. Abbiamo iniziato a importare energia dall’estero, qui la produciamo giusto il necessario. Non possiamo andare avanti così”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684