Casaleggio e Di Battista insieme a Catania, ma smentiscono un asse - QdS

Casaleggio e Di Battista insieme a Catania, ma smentiscono un asse

redazione

Casaleggio e Di Battista insieme a Catania, ma smentiscono un asse

domenica 23 Giugno 2019 - 08:17
Casaleggio e Di Battista insieme a Catania, ma smentiscono un asse

Da tempo qualcuno parlava di un'alleanza tra Dibba e il Fondatore di Rousseau, ma entrambi hanno smentito. La palese irritazione di Di Maio per le affermazioni del "Frontman" sul suo libro. Gli attacchi a Salvini

Insieme a Catania per rilanciare il Movimento dopo le europee.

L’uomo della piattaforma Rousseau e il frontman delle piazze, Davide Casaleggio e Alessandro Di Battista, si sono ritrovati ieri a tarda sera all’evento Rousseau programmato in Sicilia.

Ma, ha voluto precisare il figlio del guru del M5S, “non c’è nessun asse tra me e Di Battista e nessun gelo con Di Maio e l’incontro era programmato da tempo”.

E poi la consueta retorica grillina: “Ogniqualvolta qualcuno ci attacca, il M5S ne esce più forte e coeso di prima”.

L’incontro, tuttavia, si incastra in un momento non facile nei rapporti tra il capo politico Luigi Di Maio e Di Battista, dopo le critiche, rivolte al M5S di governo, lanciate nel suo libro dall’ex parlamentare.

E ieri, agli attivisti umbri, Di Maio non ha risparmiato la sua irritazione nei confronti delle critiche di Di Battista.

“Noi siamo andati al governo per fare le cose, finché ci consentirà queste condizioni di farle, io continuerò. Perché se invece il tema è fare il ragionamento politico… è per questo che io mi sono incazzato in questi giorni quando ho sentito questa frase ‘burocrati chiusi nei ministeri'”, ha sottolineato Di Maio citando proprio la frase di Di Battista.

Il frontman, da Catania, ha tentato di gettare acqua sul fuoco: “Non rispondo alle polemiche montate ad arte tra me e Luigi: domani lo chiamo ed è tutto a posto”.

Di Maio, nell’audio, non ha risparmiato una frecciata all’alleato Matteo Salvini, capace di saltare di Comune in Comune perché usa l’aereo di Stato, che il leader M5S rifiuta invece di utilizzare.

Parole che il Pd ha subito amplificato chiedendo al ministro dell’Interno di riferire in Parlamento sull’uso di voli di Stato in campagna elettorale.

La Lega ha contrattaccato annunciando querele: “sui voli di Stato tutto è certificato, sono stati usati solo per impegni istituzionali”.

Agli attivisti Di Maio, intanto, ha ribadito come finora a “fare” le cose nel governo giallo-verde siano stati soprattutto i ministri M5S. Concetto ripreso a Catania da Casaleggio: “Nove riforme su undici al governo sono state fatte dal M5S, raccontiamolo”.

E sulla deroga al doppio mandato si è detto più vicino alla proposta di Di Maio – ovvero che valga solo per i consiglieri – che a quella di Di Battista, secondo cui, in caso di crisi di governo, dovrebbe valere anche per i parlamentari.

A Catania, comunque, ieri a tarda sera, sul palco, è andata in scena un’inedita intervista di Casaleggio a Di Battista, con un attacco diretto al leader della Lega.

“Il governo dura? Non lo so: perché vedo Salvini che provoca tutti i giorni. E sono convinto che nella logica di Salvini ci sia l’idea di mandare tutto all’aria per mero tornaconto personale” ha detto Di Battista.

“Ascolto Salvini – ha aggiunto – e ogni giorno si ‘berlusconizza’ di più: farà trapianti, inizierà a mettere i tacchi. Sarà più Berlusconi di prima”, ha affermato l’ex parlamentare, ricordando che “se salta il governo salta il taglio dei parlamentari”.

“A Salvini – ha ricordato – mandai un messaggio prima della formazione del governo e gli dissi ‘molla Berlusconi’ che possiamo fare un sacco di cose. Per cui il mio non è un attacco personale a Salvini. Vorrei che attaccasse i poteri forti e decidesse di stare dalla parte degli italiani”.

All’evento Rousseau Lab erano presenti tutti i pentastellati siciliani, inclusi il ministro Giulia Grillo che, assieme a Danilo Toninelli, è attivissima in queste ore con l’obiettivo non dichiarato di evitare di esser vittima del rimpasto.

Nel frattempo, il gruppo parlamentare ribolle.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684