Catania, zona industriale, un anno di cantieri - QdS

Catania, zona industriale, un anno di cantieri

Melania Tanteri

Catania, zona industriale, un anno di cantieri

martedì 06 Ottobre 2020 - 00:02
Catania, zona industriale, un anno di cantieri

Sinergia tra Comune, Irsap e Sidra. Mazzeo (Ugl): “Bene, ma temo che i fondi siano insufficienti”

CATANIA – Manutenzione, pulizia e, soprattutto, mitigazione del rischio idraulico. Dopo decine di episodi, segnalazioni e lamentele, a breve partiranno i cantieri per realizzare alcune importanti opere nella zona industriale di Catania e che prevedono, tra l’altro, profondi interventi per risolvere l’annosa questione delle esondazioni dei canali.

La scorsa settimana, alla presenza, tra gli altri, dell’assessore con delega alla zona industriale Pippo Arcidiacono, il direttore generale dell’Irsap, Gaetano Collura, ha consegnato i lavori alla ditta incaricata dall’Ente che ha appaltato i lavori di realizzazione del progetto di riqualificazione della rete viaria e relative pertinenze dei Blocchi in cui è suddiviso il distretto etneo: Giancata; Pezza Grande; Palma 1; Palma 2; Passo Martino; Torre Allegra e Buttaceto. La spesa prevista è di 1,631 milioni di euro e i cantieri dovrebbero durare circa un anno.

Nello specifico, stando a quanto comunicato dal Comune di Catania, “si interverrà per migliorare la qualità delle strade con interventi di bonifica e la bitumazione del manto stradale, la pulizia delle scarpate e delle aree a verde delle principali strade dei Blocchi dove la pulizia è carente – si legge in una nota. Si interverrà anche nel canale Buttaceto, con la rimozione di tutti i detriti accumulatisi nel corso degli anni che impediscono il naturale deflusso delle acque con la conseguente fuoriuscita dagli alvei, ma anche con l’eliminazione di qualsiasi tipo di vegetazione esistente presente all’interno del canale che occlude pericolosamente lo scorrere delle acque”.

Una serie di interventi salutati con ottimismo da Angelo Mazzeo, dell’Ugl, da tempo impegnato per la riqualificazione della zona industriale etnea. “Sicuramente è una buona notizia – dice – anche se il mio timore è che i fondi possano non essere sufficienti per effettuare tutti gli interventi necessari su un’area così estesa nella quale operano circa 350 aziende. E che presto – continua – si metta mano alla questione sicurezza”.

Tra i presenti alla consegna dei lavori, anche Fabio Fatuzzo, presidente della società che gestisce il servizio idrico per il Comune: da gennaio sarà Sidra, infatti, ad occuparsi dell’area industriale anche dal punto di vista idraulico. Una novità nata da due convenzioni firmate nelle scorse settimane tra l’amministrazione comunale, l’Irsap e la Sidra, che vedono in quest’ultima il gestore unico di tutte le questioni inerenti gli impianti di acquedotto, fognatura e depurazione.

“Questo cantiere di particolare importanza per la zona industriale, che si avvia in sinergia all’Irsap e grazie all’impegno del direttore Collura – ha spiegato l’assessore Arcidiacono – è la parte finale della complessa intesa raggiunta con l’istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive che mette fine a continui rimpalli di responsabilità che negli anni scorsi hanno prodotto un dannoso immobilismo nell’approntare i servizi necessari alle imprese”.

Il primo passo, stando alle dichiarazioni del presidente della Sidra, sarà di verifica: poi si procederà con la posa di alcuni tubi per captare le acque e portarle al depuratore. “Ci stiamo organizzando – afferma. Stiamo procedendo alla verifica degli allacci delle aziende e di tutto ciò che riguarda il rapporto tra queste e la società idrica. Stiamo, inoltre, provvedendo a sostituire la Stazione di controllo, che si trova sulla Statale 114 e che è in condizioni precarie. Successivamente – conclude – procederemo all’istallazione di tubi per captare le acque e, dal canalone, convogliarle al depuratore”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684