Coronavirus, in Sicilia focolai da feste e sport - QdS

Coronavirus, in Sicilia focolai da feste e sport

redazione web

Coronavirus, in Sicilia focolai da feste e sport

sabato 03 Ottobre 2020 - 08:16
Coronavirus, in Sicilia focolai da feste e sport

Nel bollettino di ieri centoquaranta nuovi positivi in Sicilia, due i morti. Il compleanno di Niscemi, i cestisti contagiati e la chiusura del PalaMangano a Palermo. A Siracusa servizio di Telemedicina per chi è in isolamento domiciliare

Sono centoquaranta i nuovi positivi segnalati nel bollettino di ieri sera in Sicilia, 26 i guariti e due vittime che portano il totale a 314 decessi dall’inizio della pandemia.

Sono 3.048 gli attuali contagiati e passano a 324 i ricoverati in ospedale. Di questi 21 sono in terapia intensiva e 303 in regime di ricovero ordinario.
Ben 2.724 sono i pazienti in regime isolamento domiciliare.
I tamponi eseguiti sono stati 5.552.

Feste e sport sorvegliati speciali

Feste, in particolare tra giovani, e incontri sportivi sono tra i sorvegliati speciali visti i focolai che si vanno accendendo in varie zone della Sicilia.

Proprio da una festa è partito il focolaio di Niscemi (Caltanissetta) dove ieri altre 22 persone sono risultate positive al coronavirus.

Vanno ad aggiungersi ai 16 contagi registrati nei giorni scorsi per un totale di 38 positivi.

Il compleanno di Niscemi

A determinare il focolaio è stato un compleanno e la maggior parte dei positivi è composta da giovanissimi.

“Sono persone – ha detto il sindaco Massimiliano Conti – che già erano in isolamento. Quindici di loro hanno partecipato al compleanno da cui è partito il contagio. Abbiamo fatto trecento tamponi ma ne faremo altri millequattrocento, che, con quelli già fatti, assommeranno a duemila. Ai cittadini consiglio di rispettare le norme anticontagio, scaricare l’app Immuni ed evitare assembramenti e feste”.

Tre cestisti positivi a Palermo, chiuso PalaMangano

A Palermo, tre ragazzi di 17 anni che frequentano la Green Basket sono risultati positivi.

La società cestistica palermitana ha fatto sapere attraverso un post pubblicato su Facebook “di avere sottoposto tutti i giocatori e lo staff a esami sierologici dal quale tre tesserati sono risultati positivi, tutti gli altri invece negativi”.

In conseguenza della scoperta, l’impianto PalaMangano di Palermo, ha reso noto il Comune, rimarrà chiuso fino a nuova comunicazione.

Si sta procedendo con l’attivazione dei protocolli sanitari previsti.

Palermo, studente positivo al Don Bosco

E uno studente di 17 anni del Don Bosco Ranchibile è risultato positivo, come ha confermato il preside Nicola Filippone.

“Abbiamo fornito gli elenchi dei compagni di classe all’Asp – ha detto – e avviato la sanificazione di tutta la scuola andando oltre i normali protocolli. Stamattina, approfittando del fatto che abbiamo la settimana corta faremo i tamponi a tutti i docenti anche perché insegnano in altri classi e vogliamo che tutti vengano a scuola con serenità”.

A Siracusa attivo servizio di Telemedicina

A Siracusa, intanto, per monitorare i positivi in sorveglianza domiciliare, l’Asp ha adottato, a supporto delle Unità mediche domiciliari (Usca), il servizio di Telemedicina per il controllo sanitario a distanza.

Il sistema è promosso dall’assessorato regionale della Salute con il coordinamento operativo dell’Irccs Bonino Pulejo di Messina.

Gli apparecchi di monitoraggio, corredati di tablet, verificano i parametri clinici come la saturazione di ossigeno nel sangue, pressione arteriosa, elettrocardiogramma, frequenza cardiaca.

Qualora uno di questi parametri dovesse non essere soddisfacente, un alert automatico immediato informa la centrale operativa con il successivo avvio delle procedure mediche di approfondimento diagnostico.

Ieri, inoltre il Dipartimento di Radiodiagnostica dell’Asp di Siracusa ha inviato il mezzo mobile dotato delle apparecchiature radiologiche per l’effettuazione delle radiografie del torace a tutti i militari in isolamento.

Un minore numero di accessi in ospedale equivale ad un minore rischio per la popolazione.

Monitorati i militari della Morgattini

Il sistema è stato immediatamente adottato dall’Asp di Siracusa anche per il monitoraggio dei militari della nave Morgattini risultati positivi nei giorni scorsi e attualmente isolati negli alloggi della Marina militare di Augusta e seguiti dai medici delle Usca e del Reparto Malattie infettive dell’Azienda.

La direzione dell’Asp ha disposto che i militari in isolamento domiciliare venissero tutti dotati di device per il monitoraggio dello stato di salute.

Forum Ambrosetti a Catania dal nove ottobre

Esponenti del Governo nazionale e delle Regioni discuteranno a Catania, il nove e dieci ottobre prossimi, con esperti nazionali e internazionali e membri della business community dello scenario attuale della pandemia e del rilancio del sistema economico e produttivo del Paese, a partire dal Sud.

Il Forum, che si terrà nel Teatro Bellini, è realizzato da The European House – Ambrosetti in collaborazione con il Cefpas, con il patrocinio della Regione Siciliana e l’ospitalità del Comune di Catania.

Tra le opportunità di rilancio dell’economia nazionale e regionale, la sanità rappresenta un elemento chiave.

Sviluppare poli di attrattività di turismo sanitario (medicale e del benessere) in grado di poter integrare alle prestazioni sanitarie un’offerta di benessere valorizzando il patrimonio paesaggistico, culturale ed enogastronomico può contribuire alla crescita e competitività del territorio.

Durante i lavori sarà presentata anche uno studio realizzato da The European House – Ambrosetti sulle dimensioni e le tendenze del turismo sanitario.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684