Coronavirus, quarantena in Sicilia per chi arriva dall' estero - QdS

Coronavirus, quarantena in Sicilia per chi arriva dall’ estero

redazione web

Coronavirus, quarantena in Sicilia per chi arriva dall’ estero

giovedì 13 Agosto 2020 - 00:12
Coronavirus, quarantena in Sicilia per chi arriva dall’ estero

Da Spagna, Grecia e Malta: positivi due empedoclini e cinque ragusani rientrati dall'Isola dei Cavalieri. Riunione Governo-Regioni su rientri e discoteche. A Siracusa tamponi per cento ragazzi. Il sindaco di Pozzallo sospende le manifestazioni estive

L’ordinanza della quale si parlava è stata firmata ieri pomeriggio dal presidente della Regione Nello Musumeci: i siciliani che da domani rientreranno nell’Isola provenienti da Grecia, Malta e Spagna dovranno registrarsi sul sito “siciliacoronavirus.it” e rimanere in quarantena domiciliare per due settimane prima di sottoporsi a tampone.

I non residenti che provengono dagli stessi Paesi dovranno registrarsi sul sito “siciliasicura.com” e utilizzare la WebApp collegata per mettersi in contatto con il Servizio Sanitario regionale.

Resta obbligatorio l’uso della mascherina in luoghi pubblici e privati, anche all’aperto, quando non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale.

Torna positivo da Malta, secondo caso Agrigento

E stamattina un giovane di Porto Empedocle (Agrigento) è risultato positivo al coronavirus dopo essere tornato da Malta dove era stato, in compagnia di coetanei, in vacanza.

Si tratta del secondo episodio verificatosi in provincia: 24 ore prima infatti era risultato positivo anche un ragazzo di Agrigento pure lui di ritorno dall’Isola dei Cavalieri.

Entrambi sono asintomatici e sono in isolamento domiciliare.

E’ stato ricoverato nel reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Caltanissetta, invece, l’emigrato di Santa Elisabetta (Agrigento) che era rientrato, dal Belgio dove vive, per trascorre le ferie in Sicilia.

Positivi cinque giovani ragusani rientrati da Malta

Intanto, cinque giovani ragusani rientrati da Malta ieri sono risultati positivi al covid-19.

Lo ha reso noto l’Asp di Ragusa che ha posto in isolamento domiciliare altre centocinquanta persone che hanno avuto contatti con i giovani rientrati da Malta.

Riunione Governo-Regioni su rientri e discoteche

Le nuove disposizioni sanitarie per chi rientra dall’estero e un’informativa sui rischi degli assembramenti nelle discoteche in vista di Ferragosto sono stati esaminati nella riunione straordinaria tra governo e Regioni convocata dal ministro degli Affari regionali Francesco Boccia e con la partecipazione dei responsabili dei dicasteri della Salute Roberto Speranza e dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.

Positivi in calo in Sicilia

Sono ventinove i nuovi casi di coronavirus registrati ieri in Sicilia: dieci nel Catanese, sette nel Palermitano, sei in provincia di Ragusa, tre nel Siracusano, due in provincia di Agrigento, e uno nel Trapanese.

Tutti i casi fanno riferimento a cluster noti e comunque sono tutti asintomatici.

Una la persona dimessa dal regime ospedaliero, quattro i guariti in più rispetto a ieri secondo il report quotidiano del Ministero della salute e dell’Istituto Superiore di Sanità.

I dati, elaborati anche dalla Protezione Civile, sono forniti dalla Regione siciliana.

Positivo va a festa, tamponi per cento ragazzi

Cento ragazzi che hanno partecipato a una festa di compleanno a Canicattini Bagni, nel Siracusano, saranno sottoposti al tampone.

Secondo quanto riferisce la sindaco Marilena Miceli, uno degli undici giovani del paese risultati positivi al covid-19 dopo il ritorno da una vacanza a Malta, ha preso parte alla festa.

Tutti i partecipanti al compleanno hanno già ricevuto dall’Asp il provvedimento di isolamento domiciliare.

“I cittadini che pensano di aver avuto contatti con qualcuno dei partecipanti alla festa sono invitati a informare il proprio medico curante e di sottoporsi, volontariamente, a maggiore garanzia, a test sierologico presso i locali laboratori d’analisi” ha spiegato la Sindaco.

Allo scadere del quattordicesimo giorno verranno ripetuti i tamponi agli undici giovani risultati positivi, a due dei familiari contagiati e a tutti gli altri parenti il cui esito del primo tampone è risultato negativo.

Il Sindaco di Pozzallo sospende le manifestazioni estive

Due giovani di Pozzallo sono risultati positivi al coronavirus e per motivi precauzionali il sindaco Roberto Ammatuna ha emesso un’ordinanza urgente con la quale sospende con effetto immediato tutte le manifestazioni estive.

La decisione è dipesa dal fatto che i due giovani sono venuti a contatto con diversi settori della popolazionee, pertanto, in maniera precauzionale e sino a quando il quadro sanitario non sarà chiarito, tutte le manifestazioni sono state sospese.

Il Prefetto di Catania, più controlli per Ferragosto

“Incrementare ulteriormente le misure di vigilanza e controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine, soprattutto per prevenire e contenere gli assembramenti e promuovere e verificare il rispetto della regola del distanziamento personale” durante il 14 e il 15 agosto prossimi.

E’ quanto deciso dal Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto di Catania, Claudio Sammartino.

Intensificazione della vigilanza saranno svolte dalla Polizia locale nei luoghi di ritrovo e di aggregazione, attività e esercizi pubblici e di intrattenimento per evitare pericolosi assembramenti di persone e di garantire il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del contagio.

Controlli anche nelle zone marine e rivierasche.

I Comuni del Catanese sono stati invitati, inoltre, a vigilare con particolare attenzione sulla possibilità di concedere autorizzazioni o pareri per eventi che comportino rischio di assembramento.

Il Prefetto Sammartino ha rivolto un “ulteriore invito ai cittadini perché adottino responsabili comportamenti improntati alla massima cautela, a tutela della salute propria e soprattutto delle persone e dei familiari più esposti al rischio di contagio”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684