Coronavirus, Ugl, “Chiarezza sulle coperture assicurative dei medici” - QdS

Coronavirus, Ugl, “Chiarezza sulle coperture assicurative dei medici”

redazione

Coronavirus, Ugl, “Chiarezza sulle coperture assicurative dei medici”

sabato 28 Novembre 2020 - 00:00
Coronavirus, Ugl, “Chiarezza sulle coperture assicurative dei medici”

Quali i profili di responsabilità per i medici impiegati temporaneamente nei reparti Covid. I sindacati scrivono ai vertici delle aziende sanitarie ed ospedaliere siciliane

PALERMO – Le sigle sindacali regionali Ugl medici e Ugl sanità hanno inviato una nota, all’indirizzo dei direttori generali e sanitari delle aziende sanitarie ed ospedaliere di tutta la Sicilia, per porre l’attenzione sulla problematica della responsabilità professionale ed in particolare della “colpa grave” che vede da vicino coinvolti i dirigenti medici impegnati nella lotta al Covid-19.

“Con l’aumentare dei casi e l’indispensabile incremento in corsia di professionisti provenienti dai reparti ospedalieri affini ed equipollenti, rispetto alla materia medica interessata dall’epidemia da Coronavirus, ci siamo preoccupati della questione relativa ai profili di responsabilità che potrebbero essere addebitati ai camici bianchi – spiegano i segretari regionali, rispettivamente Raffaele Lanteri e Carmelo Urzì. In sostanza, a livello di copertura assicurativa da eventuali colpe, ogni dirigente medico è tutelato nell’ambito della propria disciplina, se ha stipulando la polizza. Quando, come in casi straordinari alla stessa stregua di quello che stiamo vivendo in queste settimane, in un reparto come quello Covid vengono dove chiamati a prestare servizio dirigenti specializzati in materie diverse da quella trattata (anche se affini e/o equipollenti, per non parlare di quelle che non rispondono nemmeno a questo criteri, visto di recente abbiamo assistito alle più bizzarre designazioni), è ovvio che decadono le coperture assicurative per gravità delle colpe. In questo senso – concludono Lanteri e Urzì – chiediamo ai vertici delle aziende sanitarie ed ospedaliere siciliane di chiarire con immediatezza quali siano le soluzioni adottate allo scopo di voler garantire la massima salvaguardia ai lavoratori che sono sempre più impegnati in prima linea a lottare per salvare vite da questo terribile virus. Ci rivolgeremo anche all’Assessorato regionale della salute, perché possa vigilare su questa vicenda a difesa delle sue preziose risorse umane.”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684