Covid, il sociologo, "Fine restrizioni decise da tenuta sociale, non dai dati" - QdS

Covid, il sociologo, “Fine restrizioni decise da tenuta sociale, non dai dati”

web-la

Covid, il sociologo, “Fine restrizioni decise da tenuta sociale, non dai dati”

web-la |
domenica 09 Maggio 2021 - 14:16

Il sociologo: "Anche i provvedimenti più seri non funzionano e non hanno funzionato dopo un certo periodo, sostanzialmente si sono estrinsecati in controlli più labili"

La pandemia Covid vista da un punto di vista sociologico insieme all’esperto Roberto Salerno: “Si ha la sensazione che la parola fine a questa pandemia sarà sancita non tanto dai dati, dal numero di morti o altro, ma dalla tenuta sociale della cittadinanza. Tenuta che è stata massima subito dopo l’epidemia del 2020, e che come è naturale che sia è andata via via scemando”.

Salerno continua: “Anche i provvedimenti più seri non funzionano e non hanno funzionato dopo un certo periodo, sostanzialmente si sono estrinsecati in controlli più labili.

La gente è uscita di più soprattutto in Sicilia e al meridione, c’era la sorta di pantomima di non dover consumare all’interno. Ci sono stati anche controlli delle forze dell’ordine più ragionevoli.

In tutto questo i dati sono peggiori, e nemmeno di poco – dice Salerno -. Non sono i comportamenti individuali a modificare la curva di contagio, ma la densità, il contatto stretto, la capacità di ricezione del sistema sanitario. Il fatto che la paura abbia modificato i comportamenti individuali incide, ma meno. Uno dei non detti di questa vicenda è che questi provvedimenti sono serviti di schermo ad una serie di cose che non sono state fatte.

Si è preferito dire che era colpa del cittadino, in un classico dei sistemi occidentali, unita alle incapacità della politica. Provvedimenti presi senza giustificazioni da dati o andamenti numerici, così come finirà l’emergenza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684