Covid, tornano le visite a parenti ricoverati in ospedale, le regole da seguire - QdS

Covid, tornano le visite a parenti ricoverati in ospedale, le regole da seguire

web-mp

Covid, tornano le visite a parenti ricoverati in ospedale, le regole da seguire

web-mp |
giovedì 10 Marzo 2022 - 08:30

E' la prima volta dopo due anni di pandemia. Dalla mascherina al green pass, il tempo massimo della visita, ecco cosa c'è da sapere

Tornano le visite ai propri cari ricoverati in ospedale. Dopo due anni dal blocco causa covid in Italia, oggi i pazienti potranno incontrare i familiari nei reparti.

Cosa serve per le visite in ospedale

Per vedere i propri cari in ospedale serviranno la mascherina Ffp2, il Green Pass rafforzato oppure, se si è guariti da meno di sei mesi, un tampone con esito negativo eseguito nelle 48 ore precedenti l’accesso. È quanto prevede l’articolo 7 del decreto-legge 24 dicembre 2021, convertito il 18 febbraio 2022. I medesimi requisiti sono necessari, tra l’altro, anche per l’accesso nelle Rsa.

Ai direttori sanitari “è data facoltà di adottare misure precauzionali più restrittive in relazione allo specifico contesto epidemiologico, garantendo un accesso minimo giornaliero non inferiore a quarantacinque minuti”.

Non si entra col green pass base

L’accesso non sarà invece consentito ai visitatori in possesso del semplice green pass base, ottenibile tramite il solo tampone antigenico o molecolare). Il blocco delle visite in ospedale aveva suscitano forti critiche e il ripristino degli incontri era atteso da moltissimi italiani che da mesi soffrono l’impossibilità di vedere i propri cari spesso costretti al ricovero per gravi malattie.

Un giorno da ricordare

“Dopo due anni, finalmente, un altro segnale concreto di ritorno alla normalità, consapevoli che il calore umano e l’affetto di un familiare sono una delle migliori cure per tutti coloro che in questi mesi sono stati costretti ad affrontare in solitudine dolori e sofferenze”, commenta all’Adnkronos Salute il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684