Crisi idrica a Gela verso la normalizzazione, ora ciò che rimane è la rabbia dei cittadini - QdS

Crisi idrica a Gela verso la normalizzazione, ora ciò che rimane è la rabbia dei cittadini

Liliana Blanco

Crisi idrica a Gela verso la normalizzazione, ora ciò che rimane è la rabbia dei cittadini

venerdì 02 Agosto 2019 - 01:00
Crisi idrica a Gela verso la normalizzazione, ora ciò che rimane è la rabbia dei cittadini

Caltaqua si difende dalle accuse illustrando le operazioni avviate per risolvere l’emergenza. Il rappresentante dell’M5s all’Ars, Di Paola ha chiamato in causa il Governo Musumeci

GELA (CL) – L’acqua sta tornando, seppur pian piano e non in tutte le zone della città, ma l’ennesima crisi idrica che ha visto protagonista l’area gelese ha riacceso i riflettori su una questione che si ripresenta periodicamente e che ancora una volta ha messo in ginocchio i cittadini.

I cittadini si sono trovati ancora una volta con le spalle al muro e a portare la loro voce all’Ars ci ha pensato il deputato regionale del Movimento 5 stelle, Nuccio Di Paola. Quest’ultimo ha chiesto alla Regione quali siano gli interventi in programma per ammodernare la rete idrica della zona, con quali tempistiche, e quale attività di vigilanza sia stata effettuata su Caltaqua, società che gestisce il servizio. “Mezza città di Gela – ha detto il pentastellato – è rimasta a secco per una settimana e i cittadini sono stati costretti a fare la fila davanti alle autobotti per avere qualche litro d’acqua: scene indegne di un luogo civile. Sono amareggiato e indignato e ho presentato un’interrogazione al presidente Nello Musumeci e all’assessore dell’Energia e dei Servizi di pubblica utilità, Alberto Pierobon, per sapere come intendano intervenire per scongiurare nuove emergenze”.

Una conduttura di nuova costruzione – ha aggiunto – è esplosa due volte in pochi giorni e a riparare il guasto sono stati inviati solo alcuni operai. L’accaduto apre molti interrogativi sullo stato della rete idrica e sulla gestione del servizio da parte di Caltaqua. Abbiamo già incalzato la società su altre questioni, come il pagamento di oltre 700 mila euro dovuti di Tosap pregressa degli ultimi cinque anni. Ancora una volta siamo costretti a parlare di Caltaqua e stavolta sia il Governo regionale a chiarire le cose”.

Intanto, grazie a una serie di interventi in emergenza le squadre tecniche di Caltaqua hanno riavviato l’erogazione idrica nella zona cosiddetta Spinasanta Alta. “Il susseguirsi delle rotture lungo la medesima condotta a distanza di qualche centinaio di metri in 48 ore una dall’altra – hanno affermato dalla società – ha costretto le squadre tecniche a lavorare in condizioni d’emergenza. Il secondo intervento di ricerca e riparazione della perdita è stato condotto su di un tratto di rete ‘incamiciato tubo dentro tubo’ in una condotta metallica e ciò ha inevitabilmente reso più complesso e lungo l’intervento. Il disservizio in questione ha riguardato all’incirca un terzo della città, senza interessare le strutture più sensibili (ospedale, carcere, clinica S. Barbara) che non hanno subito alcun disagio”.

“Caltaqua – hanno concluso i rappresentanti della società – ha sempre direttamente coordinato questi lavori attraverso le proprie strutture tecniche di riferimento, in costante contatto con la Direzione tecnica e la Direzione generale, impiegando di volta in volta la forza lavoro necessaria. Il presidio e la gestione del cantiere ha risposto incrementando le unità operative, individuando soluzioni tecniche di emergenza e provvedendo a venire incontro alle esigenze dell’utenza aumentando il numero delle autobotti”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684